Si chiude la vicenda Casertana-Neapolis: per la Procura Federale il fatto non sussiste

La sentenza è stata resta nota nella giornata di oggi. Squalifica per Olcese e multa per i falchetti

E si torna a parlare di Casertana-Neapolis. Nella giornata di oggi al Corte Federale ha messo la parola fine a questa vicenda. Nessuna irregolarità è stata commessa nella gara del 2010. Ecco la squalifica per Olcese, un deferimento per l’allora presidente Carlo Sparaco e una multa per il club di viale Medaglie d’Oro.

Ecco la sentenza della Procura Federale

DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: CARLO  SPARACO
(all’epoca dei fatti Presidente della Società ASD Casertana Calcio),
EMILIANO OLCESE (calciatore all’epoca dei fatti tesserato per la Società
ASD
Casertana Calcio), Società ASD CASERTANA CALCIO ▪ (nota N°.
7139/1693pf09-10/SP/AM del 31.3.2011).

Il deferimento Con provvedimento del 31 marzo 2011 il Procuratore federale
ed il Procuratore federale Vicario hanno deferito a questa Commissione:
● il Sig. Carlo Sparaco, Presidente e Legale rappresentante della Società Casertana Calcio US;
● il Sig. Olcese Emiliano, tesserato all’epoca dei fatti per la Società Casertana Calcio US;
● la Società Casertana Calcio US;
per rispondere:
Il Sig. Carlo Sparaco, all’epoca dei fatti presidente della Casertana Calcio US, della  violazione dell’art. 1, comma 1 del CGS, per aver affidato nella stagione sportiva 2009 –  2010, l’incarico di Direttore Generale e Direttore Sportivo della Società al Sig. Errico  Falocco, non abilitato a svolgere siffatte mansioni, sia perché non inserito nel foglio di  censimento, sia perché iscritto all’albo degli allenatori presso il Settore Tecnico della FIGC  e, comunque, senza avere la prescritta
qualifica;  Il Sig. Olcese Emiliano, tesserato all’epoca dei fatti per la Società Casertana Calcio US,  per la violazione di cui all’art. 1, comma 1 del CGS, per avere rappresentato fatti e  circostanze di rilievo disciplinare non veridiche poiché le stesse non hanno trovato  riscontro nelle testimonianze univoche e scevre da contraddizioni, rilasciate dai compagni  di squadra presenti negli spogliatoi e nei campo di allenamento durante la pausa della  seduta infrasettimanale precedente l’incontro con il FC Neapolis Mugnano;  L’ASD Casertana Calcio per la violazione dell’art. 4 commi 1 e 2 a titolo di responsabilità  diretta ed oggettiva, ex art. 4 commi 1 e 2 del CGS, per i comportamenti addebitabili al suo  Presidente dell’epoca Carlo Sparaco, al calciatore Olcese Emiliano ed al Sig. Errico  Falocco (ex art. 1 comma 5 del CGS). La Procura federale fonda la sua azione disciplinare sugli atti relativi agli accertamenti  espletati in merito alla denuncia del Sig. Errico Falocco, inoltrata tramite fax e riguardante  uno scambio di sms che sarebbe avvenuto con iI Sig. Carella mAngelo, procuratore dei  calciatori Olcese Emiliano e Torrens Mariano (tesserati per la Casertana Calcio), durante il  quale ad alcune sue domande in merito a presunte “illazioni” e “dichiarazioni” fatte  nell’immediato dopo gara tra ASD Casertana Calcio ed FC Neapolis Mugnano il Sig. Errico  Falocco riceveva risposte meritevoli di attenzione da parte degli Organi inquirenti. Le circostanze dedotte dal Sig. Errico Falocco nella sua denuncia e le dichiarazioni rese  agli inquirenti dal calciatore Olcese Emiliano non mhanno però trovato alcun riscontro nel  corso delle indagini ed anzi venivano completamente smentite dai compagni di squadra di  quest’ultimo determinando secondo la Procura federale la responsabilità disciplinare dello  stesso Olcese Emiliano, per violazione dell’art. 1, comma 1 del CGS, per aver diffuso  dichiarazioni non veridiche ed idonee a ledere la reputazione di altro soggetto  dell’Ordinamento sportivo. Inoltre nel corso delle indagini la Procura federale si avvedeva anche che il Sig. Carlo  Sparaco, all’epoca dei fatti Presidente della Casertana Calcio, aveva di fatto affidato nella  stagione sportiva 2009-2010, l’incarico di Direttore Generale e Direttore sportivo della  Società al Sig. Errico Falocco, il quale non poteva svolgere siffatte mansioni, sia perché  non inserito nel foglio di censimento sia perché inserito all’albo degli allenatori presso il  Settore Tecnico della FIGC e, comunque, senza avere la prescritta qualifica.Da tutte le dette violazione la Procura federale ricava infine la responsabilità disciplinare  diretta ed oggettiva della Casertana Calcio US ex art. 4 commi 1 e 2 per i comportamenti addebitabili al suo Presidente dell’epoca dei fatti Sig. Carlo Sparaco, al calciatore Olcese  ed al Sig. Errico Falocco (ex art. 1 comma 5 del CGS).

Il dibattimento

All’odierna riunione il Sig. Olcese Emiliano ha depositato, tramite il proprio difensore,  istanza di patteggiamento ai sensi dell’art. 23 CGS. In proposito, la Commissione ha adottato la seguente ordinanza:  “La Commissione disciplinare nazionale,  rilevato che, prima dell’inizio del dibattimento, il Sig. Olcese Emiliano ha depositato istanza  di mapplicazione di sanzione ai sensi dell’art. 23 CGS [“pena base per il Sig. Olcese  Emiliano, sanzione della squalifica di giorni 45 (quarantacinque), diminuita ai sensi dell’art.  23 CGS a giorni 30 (trenta)”];  considerato che su tale istanza ha espresso il proprio consenso il Procuratore mfederale;  visto l’art. 23, comma 1, CGS, secondo il quale i soggetti di mcui all’art. 1, comma 1,  possono accordarsi con la Procura federale prima che termini la fase dibattimentale di  primo grado, per chiedere all’Organo giudicante l’applicazione di una sanzione ridotta,  indicandone mla specie e la misura;  visto l’art. 23, comma 2, CGS, secondo il quale l’Organo giudicante, se ritiene corretta la  qualificazione dei fatti come formulata dalle parti e congrua la sanzione indicata, ne  dispone ml’applicazione con ordinanza non impugnabile, che chiude il procedimento mnei  confronti del richiedente;  rilevato che, nel caso di specie, la qualificazione dei fatti come formulata dalle parti risulta  corretta e le msanzioni indicate risultano congrue,

P.Q.M.

la Commissione disciplinare nazionale dispone l’applicazione della sanzione di cui al  dispositivo.  Dichiara la chiusura del procedimento nei confronti del predetto”. Il procedimento è proseguito per le altre parti deferite. E’ comparso il rappresentante della Procura federale, il quale ha chiesto
la dichiarazione  di responsabilità dei deferiti e l’irrogazione della sanzione dell’inibizione per mesi 6 (sei) al  Sig. Sparaco e la sanzione dell’ammenda di € 15.000,00 (€ quindicimila/00) alla Società  ASD Casertana Calcio US.

I motivi della decisione

La Commissione, esaminati gli atti e sentita la relazione del rappresentante della Procura  federale, rileva quanto segue. Dagli atti ufficiali risulta evidente la violazione posta in essere dai deferiti, in quanto  effettivamente il Sig. Errico Falocco dichiarava agli inquirenti che aveva ritenuto opportuno  inoltrare la sua denuncia a seguito di “illazioni” e “dichiarazioni” fatte nell’immediato dopo  gara tra ASD Casertana Calcio ed FC Neapolis Mugnano perché, pur se – a suo parere –  la gara aveva avuto un regolare svolgimento, non poteva non tener conto di quanto  riportato sia sulla stampa locale che da alcune emittenti private circa una presunta  ”combine” diretta ad alterare il
risultato della partita: aggiungeva inoltre che il testo dello  sms ricevuto dal Sig. Carella lo consigliava di “vigilare” sul comportamento di alcuni  tesserati senza far riferimento alla partita con il Neapolis, ma dagli accertamenti svolti dagli  inquirenti su detta denuncia, dette dichiarazioni sono risultate totalmente infondate. Infatti dalla documentazione in atti risulta che effettivamente il calciatore Olcese Emiliano  ha dichiarato agli inquirenti nel corso delle indagini che il predetto Sig. Errico Falocco, durante una pausa degli allenamenti settimanali, prima dell’incontro con il FC Neapolis  Mugnano e negli spogliatoi dello stadio Pinta, avrebbe parlato esplicitamente dello  stanziamento da parte dei dirigenti del Pianura di una somma di € 20.000,00 in caso di  vittoria e di € 10.000,00 in caso di parità, ma dette dichiarazioni risultano altresì  concordemente smentite dai compagni di squadra (Stigliano, Fucci e Guida), nonché dallo  stesso capitano Raucci Massimiliano e dal Sig. Capasso, Presidente del Pianura, e dalla  circostanza che il Sig. Falocco ed il Sig. Carella non hanno provato in alcun modo l’invio o  la ricezione degli sms, e che dalle indagini non è emerso alcun altro nessun elemento e/o  documento che potesse comprovare o far emergere prova logica circa comportamenti  censurabili da parte di altri soggetti dell’Ordinamento sportivo. Gli accertamenti effettuati dagli inquirenti portano ad affermare la responsabilità  disciplinare del Sig. Carlo Sparaco, all’epoca del fatti, Presidente della Casertana Calcio,  che si sottraeva anche alla sua audizione da parte degli stessi inquirenti, per aver affidato  nella stagione sportiva 2009 – 2010, l’incarico di Direttore Generale e Direttore Sportivo della Società Casertana Calcio al Sig. Errico Falocco, il quale pur non potendo svolgere  siffatte mansioni senza avere la prescritta qualifica, siaperché non inserito nel foglio di  censimento, sia perché risulta iscritto all’albo degli allenatori presso il Settore Tecnico della  F.I.G.C come “allenatore di base”, ma, per sua esplicita ammissione dinanzi agli inquirenti, ha svolto nella stagione 2009 – 2010 le funzioni di Direttore Generale e di Direttore  Sportivo peraltro aver chiesto ed ottenuto dal Settore Tecnico la sospensione prevista  dall’art. 33, comma 3 del Regolamento del Settore Tecnico. I riscontri citati portano inoltre ad affermare la responsabilità diretta ed oggettiva ex art. 4  commi 1 e 2 della Casertana Calcio US per i comportamenti addebitati al suo Presidente  dell’epoca Carlo Sparaco, al calciatore Emiliano Olcese ed al Sig. Errico Falocco (ex art. 1  comma 5 del CGS )

II dispositivo

la Commissione disciplinare nazionale dispone l’applicazione della sanzione della squalifica di giorni 30 (trenta) al Sig. Olcese Emiliano. Irroga le sanzioni dell’inibizione per mesi 6 (sei) al Sig. Sparaco e  dell’ammenda di € 10.000,00 (€ diecimila/00) alla Società ASD Casertana Calcio

 

 

tags: Casertana

Commenta su Facebook