La provincia di Caserta in serie A insieme al Livorno

Amaranto promossi in massima serie grazie alla vittoria nella finale play-off col Brescia. Protagonisti il tecnico vicano Gennaro Ruotolo e l'attaccante sammaritano Francesco Tavano
La provincia di Caserta si gode le vittorie dei propri gioielli. Non soltanto gli olimpionici Russo, Parrinello, Falco e Valentino o le new entry della Nazionale azzurra per i Giochi del Mediterraneo Verde, Faraldo e Fasugba. I figli di Terra di Lavoro continuano a conquistare successi importanti anche nel mondo del calcio. La giornata di ieri ha riconsegnato la serie A al Livorno dopo appena un anno dall'amara retrocessione. Ebbene sulla vittoria della finale play-off ai danni del Brescia di Cavasin c'è soprattutto la firma della provincia di Caserta. L'ALLENATORE VICANO - Sulla panchina del Livorno, infatti, siede un illustre cittadino di Santa Maria a Vico. Quel Gennaro Ruotolo che, sebbene emigrato da anni per seguire il suo sogno calcistico con le maglie di Arezzo, Genoa (con la cui maglia vanta il record di presenza in assoluto, ben 403) e lo stesso Livorno, non ha mai dimenticato la sua terra. Partito come secondo allenatore di Acori, lo scorso 23 maggio la società aveva deciso l'esonero dell'ex Rimini e la 'promozione' di Ruotolo come guida tecnica. Una scelta per molti azzardata, ma che si è rivelata vincente. Il 5-2 complessivo rifilato al Brescia ha lanciato il suo Livorno nell'Olimpo del calcio italiano. L'ATTACCANTE SAMMARITANO - Se Ruotolo è stato protagonista in panchina, sul terreno di gioco c'è stato un vero e proprio trascinatore. Si tratta di Francesco Tavano, attaccante di Santa Maria Capua Vetere che ha mosso i primi passi in quel di San Prisco. L'ex Empoli si è confermato attaccante di grande spessore, trascinando i labronici anche nella doppia finale andando a segno sia nella gara di andata che in quella di ritorno. Per lui il titolo di capocannoniere di serie B con ben 24 reti all'attivo, per un totale di 34 reti in due stagioni, considerando le 10 in serie A.

Commenta su Facebook