L'Artus crolla a Molfetta

I biancorossi si sono presentati con le pesantissime assenze di Desiato, in panchina solo per onor di firma, e D'Orta
La Cementir Maddaloni ha fatto quanto in suo potere ma nulla è servito per evitare la sconfitta, peraltro preventivabile, sul parquet della capolista Molfetta. Maddaloni, d’altronde, si è presentata al cospetto della forte squadra pugliese con assenze importanti. Desiato in panchina solo per onor di firma e D’Orta a casa, hanno, infatti, impedito alla formazione artussina di contrapporre una valida resistenza ad un Molfetta, per altro, in grande spolvero. La compagine di casa, infatti, ha subito messo le cose in chiaro e sin dalle battute iniziali ha preso saldamente nelle proprie mani le redini del gioco e già all’intervallo, sopra di 21 punti, la partita poteva essere considerata chiusa. Gli ultimi 20 minuti, infatti, non hanno avuto significato e alla sirena finale l’esito era più che scontato. Molfetta - Cementir Maddaloni 89-69 (26-15/50-29/74-48) Cementir Maddaloni:D'Albenzio, Schiavone ne, Iaselli 13, Piscitelli 4, Sergio L. 8, Sergio B. 1, Desiato ne, Acunzo 4, Falco 13, Simeoli 26. All. Posillipo. Molfetta:Maggi 17, Sancilio, Spadavecchia, Ungaro 3, Teofillo 14, Leo 14, Scorrano 13, Labate 14, Capitanelli 2, Storchi 12. All. Carolillo. Arbitri:Marino di Civitavecchia e Sestini di Roma. Note:Molfetta: T.L.15/17 T2 25/39 T3 8/23 Cementir T.L. 25/32 T2 19/46 T3 2/11

Commenta su Facebook