Juve, il dolce ritorno al Pala Maggiò. Hassan si abbatte sulla Luiss Roma

Coach Oldoini: “La maglia la suderemo sempre. Anche nelle sconfitte non ci sarà mai un passo indietro”

Caserta - Tornano i colori bianconeri a calcare il parquet del PalaMaggió. Lo Sporting Club JuveCaserta, nato dalle ceneri della JuveCaserta, affronta la Luiss Roma, nel primo match casalingo della nuova avventura in Serie B. Il quintetto griffato Decò è composto da Bottioni, Ciribeni, Hassan, Rinaldi e Dip. Partono bene gli uomini di coach Oldoini. Dip punge e Hassan, con un tripla ed un coast to coast concluso con un gioco da tre, produce il primo strappo (12-4). Gli ospiti non si disuniscono con Veccia e Di Carmine ma, due canestri in fila di Ciribeni costringono la Luiss al primo time out (19-9). La sospensione non giova agli ospiti che trovano Hassan e Dip ispiratissimi; la mano dei padroni di casa è rovente e le triple di capitan Sergio,  Ciribeni e Petrucci chiudono la prima frazione sul 32-14.

In avvio di secondo quarto la Luiss prova a stringere le maglie difensive ma la precisione in attacco manca. La Juve si ferma alla tripla di Petrucci ed il punteggio resta bloccato sul 35-17. Un tiro dalla media di Dip ed una zingarata di Ciribeni mettono nuovamente alle corde la formazione romana (39-20). Roma si scuote con due canestri di Infante. Caserta perde palloni su palloni e coach Oldoini si infuria in panchina (40-32). Sale in cattedra Martino che consente ai suoi di rientrare sul -4 (41-37) all’intervallo lungo.

Hassan riprende confidenza con il canestro, piazzando 9 punti in avvio di ripresa (49-40). Veccia tiene in partita (51-45), sfruttando anche la poca consistenza dei padroni di casa sotto le plance. La Juve si affida ad Hassan, sempre pericoloso, e torna a +11 con il sottomano di Dip (58-47). Per coach Paccariè è nuovamente tempo di time out. Infante dà segnali di risveglio e si entra negli ultimi dieci minuti con il punteggio di 62-49. Nessun sussulto in avvio del quarto periodo di gioco. Ciribeni e compagni gestiscono il vantaggio conquistato nella frazione precedente e respingono gli attacchi dei rivali. Rinaldi infila una tripla e, ancora Ciribeni, chiude in lay up per il 75-54 che manda il match in garbage time. La Curva Ancilotto, il cui tifo incessante ha accompagnato il quintetto casertano, intona i vecchi cori di certo non dimenticati dal popolo bianconero. Finisce 86-68.

Positivo il debutto tra le mura amiche della Decò JuveCaserta. Hassan mattatore di giornata con 32 punti (11/16 dal campo), ma ben figurano Dip (11 punti e 7 rimbalzi) e Ciribeni (14 punti). La Juve a punteggio pieno, guarda con positività ai prossimi impegni.

 

Coach Oldoini: “Dobbiamo ricordarci di questa partita per il futuro, dobbiamo ricordarci le nove palle perse nel secondo quarto che hanno fatto rientrare gli avversari. Sapevamo che non avrebbero mollato e noi siamo stati superficiali. Dobbiamo capire il motivo. Nel secondo tempo ne abbiamo perso una sola, abbiamo messo una serie di triple importanti che ci hanno fatto stare tranquilli. Dobbiamo continuare a macinare gioco. E’ una vittoria importare, che viene nella settimana in ricordo del Cavaliere Maggiò. Ha un sapore veramente bello. Dobbiamo andare avanti così, migliorarci giorno dopo giorno, il campionato è appena iniziato. La settimana prossima abbiamo un avversario di primissimo livello con un grande allenatore che ha vinto campionati. Giocheremo per provare a vincere. Abbiamo provato a giocare con dei tagli, con Hassan e con Petrucci, ma dobbiamo continuare così, dobbiamo mettere la palla dentro ed allargare il campo, fare chiudere la difesa e poi riaprila per punire. Abbiamo un lavoro di blocchi per i tiratori ma la settimana è corta; lavoreremo su altre soluzioni. I ragazzi stanno crescendo ed i rivali ne hanno fatto 68 con dei regali clamorosi. La difesa c’è, bisogna aggiustare dei particolari. Siamo dieci giocatori nuovi ed è difficile.

Sono contento del pubblico, li ringrazio. Cercheremo di invogliare tutte le persone di venire al palazzo. La squadra sta giocando forte e già questo è un segnale importante. La maglia la suderemo sempre. Anche nelle sconfitte non ci sarà mai un passo indietro”.

 

Decò Caserta. Gallipò 3, Iavazzi n.e., Dip 11, Petrucci 8, Ciribeni 14, Bottioni 6, Rinaldi 6, Hassan 32, Sergio 9, Barnaba 0, Mataluna n.e., Piazza n.e.. All. Oldoini

Luiss Roma. Faragalli Serroni 2, Martino 11, Veccia 11, Rota 4, Di Francesco 0, Bonaccorso 8, Gebbia 2, Di Carmine 3, Gellera 3, Garofolo 0, Navarini 3, Infante 23. All. Paccariè.

Commenta su Facebook