Palamaggiò: l'impianto dei 100... dubbi

Il paradosso: la Provinica vorrebbe riscuotere un canone di locazione. La società chiede il settore ospiti a spese dell'ente entro il 5 ottobre
Il Consiglio di Amministrazione della Juvecaserta, riunitosi presso la sede sociale, ha preso atto della relazione del consigliere Gianluigi Traettino, in merito agli incontri avuti con l’Assessore allo sport ed i dirigenti dell’Amministrazione Provinciale e relativi alle problematiche connesse all’utilizzo del Palamaggiò. A tal riguardo sono emerse diverse preoccupazioni in ordine alla tempistica dei lavori richiesti dalla Commissione di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo e relativi alla realizzazione di un settore riservato alla tifoseria organizzata ospite, giusto quanto previsto dalla vigente legislazione in materia. LA POSIZIONE DELLA PROVINCIA - In particolare, sull’argomento si è preso atto della volontà della Provincia di riscuotere un canone di locazione a fronte dell’utilizzo del Palamaggiò a differenza di quanto avviene in quasi tutte le città d’Italia dove, generalmente, al di là degli aspetti meramente formali, l’equivalente del fitto costituisce uno degli elementi economici di sostegno dell’Ente pubblico alle attività sportive. Addirittura, per le spese effettuate dalla società lo scorso anno, per una parte dei lavori necessari al Palamaggiò, ammontanti ad oltre 80.000 euro, si è proposto una compensazione con i fitti “maturati” a tutt’oggi e quelli “dovuti” per la prossima stagione. Inoltre, la realizzazione del settore ospiti sembrerebbe dover ricadere sulla Juvecaserta salvo, poi, usufruire di una compensazione sui fitti a maturare nei prossimi anni, e cioè a partire dal campionato 2009-2010 e per cinque anni, considerati i lavori da eseguire. LA POSIZIONE DELLA JUVECASERTA - A fronte di ciò, il Consiglio di Amministrazione della Juvecaserta ritiene che i costi dell’adeguamento strutturale dell’impianto alle normative vigenti non possano e non debbano essere addossate al budget della società in quanto ciò finirebbe con il limitare gli investimenti della stessa sul piano più squisitamente sportivo, oltre ad andare controcorrente rispetto ad un sostegno che una realtà sportiva come la Juvecaserta ed i suoi circa seimila tifosi meriterebbero. In tale senso è stato dato mandato al Presidente Caputo ed al consigliere Traettino di rappresentare al Presidente dell’Ente Provincia ed a tutti gli altri interlocutori istituzionali le esigenze della Juvecaserta al fine di verificare le concrete possibilità da parte della Provincia di realizzare il settore ospiti entro il 5 ottobre prossimo, data di inizio del campionato.

Commenta su Facebook