Il condottiero Bucchi, il leader Arcidiacono ed i nuovi investitori. La Juve c'è

Il Buono, il Brutto e il Cattivo dell'estate bianconera

Caserta - Il Buono. Dopo settimane di indiscrezioni, trattative e le ormai solite voci estive che coinvolgono il futuro della Juve Caserta, sembra si sia giunti ad una svolta. Nessun consorzio, nessuna cessione di quote e cordate di imprenditori pronti a rilevare il club di Pezza delle Noci ma l'aiuto di Oreste Vigorito, presidente del Benevento Calcio, appena promosso in Serie A e imprenditore attivo nel settore eolico. Secondo i rumors, Vigorito attiverà una collaborazione con il patròn Iavazzi volta a sponsorizzare la Juve e creare una sinergia tra il Benevento Calcio e la JuveCaserta. Ad ispirare l'intervento di Vigorito sono stati il tifoso Giancarlo Zaza D'Aulisio, già fondatore, lo scorso anno, dell'associazione 'Io Sto con la JuveCaserta' ed il Sindaco di Molinara, Giuseppe Addabbo, innamorato dei colori bianconeri e sempre presente alle partite casalinghe della Juve, nonostante la distanza che separa il Pala Maggiò dal paesino del beneventano. Si attende, nei prossimi giorni, l'ufficialità ed i dettagli dell'operazione. La colonna sonora estiva è targata Max Gazzé. Vento d'estate.

Il Brutto. Da rivale a coach. Dopo anni trascorsi sulle panchine delle più acerrime rivali bianconere, tra le altre Napoli, Roma, Milano e Pesaro, Piero Bucchi abbraccia la Juve. I tifosi, nonostante il passato del nuovo allenatore, hanno accolto positivamente la notizia. Cosa c'è di brutto? proprio nulla, perché l'annuncio del nuovo coach fa tirare un sospiro di sollievo alla piazza casertana; perché ormai è chiaro a tutti che la Juve sarà ai nastri di partenza della Serie A, il prossimo ottobre; perché ora si può iniziare a parlare di giocatori e squadra ed il mercato entra nella fase calda. E allora, altro che brutto. Il buono, il Bucchi, e il cattivo.

Il Cattivo.  Se sarà cattivo sui legni del Pala Maggiò, così come lo è stato su quelli del college basket, lo sapremo presto. A sorpresa, il primo colpo di mercato della Juve è di quelli grossi e porta il nome di Ryan Arcidiacono. Play statunitense con nonni siciliani, Arcidiacono è stato il miglior giocatore delle Final Four NCAA del 2016 vinte da Villanova in una rimonta storica ai danni di North Carolina. Ha il record di maggior numero di presenze con i Wildcats ed ha il merito di aver riportato il titolo nell'ateneo della Pennsylvania dopo 31 anni di astinenza. Dopo Siva e Sosa, è il terzo campione NCAA che guiderà la cabina di regia bianconera. E' un play puro, con ottima visione di gioco, grinta, applicazione difensiva, leadership e mano educata. E' il primo tassello della nuova Juve. Con lui la nuova stagione può spiccare definitivamente il volo. Ryan Air.

Commenta su Facebook