Giuseppe Di Crescenzo campione italiano di ciclismo

Il carabiniere di Recale ha conquistato la maglia tricolore imponendosi a cronometro

A cavallo se la cava benissimo, ma è in sella a una bicicletta che dà il meglio di sé. Il recalese Giuseppe Di Crescenzo, carabiniere scelto in servizio presso il Quarto reggimento carabinieri a cavallo di Roma, ha vinto il campionato italiano di polizia giudiziaria di ciclismo, sbaragliando i suoi diretti avversari e conquistando l'agognata maglia tricolore. Nelle quattro tappe del giro, Di Crescenzo ha dimostrato piena maturità agonistica, imponendosi nell'ultima prova, la cronometro di Zagarolo. Il giovane carabiniere fa parte dell'"Asd team Calcagni - Cavaliere", la squadra diretta dal tenente colonnello Carlo Calcagni, militare e uomo di indiscusso valore e vera icona dello sport con diciassette titoli italiani nel palmares. In questi giorni, Di Crescenzo è ritornato in bici per sottoporsi a un duro allenamento. Il 3 settembre, a Lavinio, in provincia di Roma, lo attende il campionato mondiale militare di ciclismo. In un'unica tappa l'atleta potrebbe portarsi a casa un titolo storico. Come si diceva, il carabiniere di Recale è in servizio presso il Quarto reggimento carabinieri a cavallo di Roma, il cui comandante è il colonnello Francesco Azzaro. Il quarto reggimento l'ultimo interamente montato delle Forze Armate Italiane. Erede delle gloriose tradizioni ippiche dell'Arma dei Carabinieri, oggi il Reggimento è costituito da un Gruppo squadroni, articolato su due squadroni, un Centro ippico, dove è presente la Sezione sportiva di equitazione che dipende per l'impiego dal Centro sportivo del comando generale e un comando. Oltre alle normali attività d'istituto, quali pattuglie e perlustrazioni in aree impervie dell'intero territorio nazionale, e a fornire concorso nell'espletamento di servizi di ordine pubblico e soccorso in caso di pubbliche calamità, il reggimento, attraverso il Gruppo squadroni, esegue il celebre Carosello storico, saggio di alta scuola di equitazione e sintesi dell'addestramento raggiunto dai cavalieri dell'Arma.

Commenta su Facebook