Gladiator, Acconcia "libera" la società

Il presidente: "Mi aspettavo molto di più dalla città. Se qualche sammaritano ha a cuore il bene del Gladiator si faccia avanti"

Santa Maria Capua Vetere - L’ottimo inizio di stagione non è servito a portare il sereno nel team nerazzurro. Il girovagare per la provincia di Caserta alla ricerca di un campo ha trasformato una passione quale il calcio in uno stress continuo, ed è quello che trapela nella parole del presidente Salvatore Acconcia: “Mi aspettavo molto di più dalla città. Non avere un campo sicuramente è penalizzante sotto tutti i punti di vista. Non capisco questo continuo ostacolarci nel non farci giocare al “Piccirillo”. Questo girovagare per la provincia ci ha portato numerose perdite economiche, infatti tanti sponsor non avendo noi una casa, ci hanno voltato le spalle. La situazione è diventata insostenibile ed è arrivato quindi il momento di fermarci e guardarci in faccia. Davanti così non si può andare, sono pronto a lasciare il timone. Se qualche sammaritano ha a cuore il bene del Gladiator si faccia avanti, la squadra è a tre punti dalla vetta, il campionato si può vincere tranquillamente. Sicuramente tenere chiusa senza motivo una struttura quale il “Piccirillo” ha contribuito fortemente nella mia decisione di mettere un freno. Il titolo è a disposizione di chiunque voglia rilevarlo”.

Commenta su Facebook