Poste Italiane, uffici chiusi per sciopero: garantiti solo alcuni servizi

I sindacati: "A rischio almeno 20.000 posti di lavoro sia nel settore postale che nel finanziario"

Italia - Porte chiuse agli uffici postali. Per l'intera giornata di oggi, venerdì 4 novembre, è infatti in programma lo sciopero proclamato dalle segreterie nazionali SlpCisl, SlcCgil, FailpCisale, ConfasaslCom e UglCom.

Motivo della protesta, spiegano i sindacati, "il rischio di una ulteriore privatizzazione di Poste Italiane, con conseguenti ricadute occupazionali". Secondo i promotori della protesta sarebbero infatti a rischio "almeno 20.000 posti di lavoro sia nel settore postale che nel finanziario".

Alcuni servizi però saranno comunque garantiti. "Le suddette organizzazioni sindacali - si legge nella nota - hanno proclamato lo sciopero generale nazionale per il 4 novembre 2016. In tale giornata, Poste Italiane, in conformità alla vigente normativa in materia, garantirà l'erogazione delle prestazioni essenziali presso determinati Uffici Postali. Inoltre, le pensioni previste in pagamento per il giorno 4 novembre potranno essere riscosse dal giorno 3 novembre...".

Commenta su Facebook