Renzi e Minniti a Castel Volturno, il leader Pd: "Riparto da qui"

Ad attendere Renzi una delegazione di sindaci, poi la visita alla cooperativa sociale “Le Terre di Don Peppe Diana”

Castel Volturno - Destinazione Castel Volturno. Il segretario dem Matteo Renzi, nella tappa casertana insieme al ministro dell’Interno Marco Minniti, è' arrivato intorno alle 12 alla stazione ferroviaria di Cancello ed Arnone, dove lo attendeva una delegazione di sindaci tra cui il primo cittadino di Castel Volturno Dimitri Russo. Da qui il passaggio e la visita alla cooperativa sociale “Le Terre di Don Peppe Diana”.

Accolto dal sindaco di Castel Volturno Dimitri Russo, il leader dem ha incontrato una folta delegazione di istituzioni e associazioni, accompagnato da tutta la filiera casertana del Partito Democratico, tra cui Stefano Graziano, Lucia Esposito, Pina Picierno, Franco Mirabelli, Nicola Caputo. Ad attenderlo alla cooperativa, invece, c’era il governatore della Campania Vincenzo De Luca.

“L’impegno per Castel Volturno è impegno condiviso dal partito e dalle istituzione ma non si realizza se non si mantiene salda la lotta contro il crimine. Riparto da segretario neoletto da Castel Volturno e vengo qui per ascoltare da voi quali sono i problemi di questo territorio – queste le parole con cui Matteo Renzi ha esordito nell’incontro all’interno della cooperativa realizzata su un bene confiscato al boss Michele Zaza, oggi trasformato in un caseificio.

Poi Renzi si rivolge al governatore De Luca. Sulla questione rimozione ecoballe, il leader dem ironicamente lo incalza e gli fa una promessa: “La prossima volta verrò a Febbraio, datti da fare perché vengo a vedere quante ecoballe hai rimosso.”

“Finalmente si torna ad avere una percezione diversa di Castel Volturno e per la prima volta si assiste ad una nuova consapevolezza delle reali problematiche del territorio – ha dichiarato Dimitri Russo – ma il territorio chiede più sicurezza e quindi più forze”

A fargli eco è lo stesso Ministro Minniti: “Bisogna ripartire dalla lotta alla camorra. Bisogna ritornare in possesso dei beni che questa ha utilizzato per i propri scopi e restituirli ai cittadini. Vogliamo stargli accanto anche sultema dell’immigrazione – prosegue Minniti - E’ ora di arginare l’idea dell’emergenza. Una grande democrazia i problemi li governa. Governare i flussi sul piano internazionale significa governare anche una situazione come quella di Castel Volturno, affrontando il problema dell’accoglienza ma sempre nella consapevolezza dei diritti di viene accolto e di chi accoglie, in un virtuoso processo di legalità e integrazione”

 

Commenta su Facebook