Verso le provinciali, il focus di Paolino sul trasporto pubblico

Il candidato alle provinciali: "“Non riesco neanche ad immaginare il dramma che stanno vivendo le 63 famiglie dei lavoratori attualmente minacciati di licenziamento"

san prisco - Francesco Paolino candidato a consigliere alle prossime elezioni provinciali da indipendente nella lista “i moderati” prende posizione rispetto a quanto sta accadendo in queste ore alla CLP, l’azienda che ha l'affidamento per il trasporto pubblico in provincia di Caserta subentrata alla già nota ACMS, e che sta portando a termine la procedura per il licenziamento collettivo di 63 dipendenti, un quarto di quelli in organico attualmente in forza, aperta lo scorso giugno.

Un durissimo colpo per terra di lavoro, l’ulteriore, che non fa altro che aumentare la crisi che la provincia di Caserta sta affrontando. Proprio a proposito Paolino intende esprimere il suo punto di vista a riguardo: “Non riesco neanche ad immaginare il dramma che stanno vivendo le 63 famiglie dei lavoratori attualmente minacciati di licenziamento. La vicenda non può esaurirsi semplicemente con dei titoli di giornale nei prossimi due giorni, ma occorre che appena terminate le elezioni provinciali la nuova amministrazione di secondo livello si interessi immediatamente alla vertenza e lo faccia con determinazione e concretezza. Trovo assurdo che l'azienda CLP stia portando a compimento tale ridimensionamento in un servizio, come quello dei trasporti, già in sofferenza e che nella nostra provincia non soddisfa per nulla le richieste minime della cittadinanza.”

In conclusione Paolino con forza ribadisce uno dei punti chiave del suo programma elettorale: “Occorre che la nuova consigliatura scriva tra i primi tre punti da affronta all'indomani dell'insediamento quello del trasporto, non solo su gomma, e che sappia in tempi brevi dare delle risposte in prima istanza ai 63 lavoratori della CLP e un secondo dopo ai tanti cittadini, pendolari, studenti o pensionati che necessitano quotidianamente di spostarsi.” 

Commenta su Facebook