Recale al voto. Verde Pubblico, Argenziano: “Restituiremo alle generazioni future una Recale più bella e più vivibile”

Il candidato sindaco di Recale Domani illustra le azioni che intenderà mettere in campo

Recale - “Restituire alle generazioni future una Recale migliore, più bella e più vivibile”. Così il candidato sindaco di Recale Domani Antimo Argenziano nell'illustrare le azioni che intenderà mettere in campo per riqualificare gli spazi verdi cittadini, oggi abbandonati ed oggetto di continui raid vandalici.

“Uno dei parametri per definire la bellezza di una cittadina è il verde pubblico – commenta Argenziano - Recale, purtroppo, in questo settore è assolutamente carente. Le poche aree esistenti sono pressoché abbandonate e le loro ridotte dimensioni non le rendono per niente idonee a svolgere la loro funzione aggregativa e sociale. Inoltre negli anni l'incuria e il vandalismo diffuso hanno sterminato un gran numero di alberi pubblici presenti sul territorio. Noi avvieremo una vera e propria campagna di recupero di questi spazi, riqualificando quelli esistenti, anche ripristinando gli alberi persi attingendone dai vivai della Forestale che li forniscono gratuitamente ai Comuni. Istituiremo, inoltre, nuove aree attrezzate a verde con standard più elevati ed adeguati alle esigenze della cittadinanza”.

Recupero, come detto, ma anche manutenzione e controllo. “Nella gestione della manutenzione e cura degli spazi in questione – annuncia Argenziano - saranno coinvolte associazioni, sponsor, cooperative di anziani. Una comunità cresce quando tutte le forze sociali ed aggregative partecipano alla cura del bene pubblico. Qualsiasi intevento, comunque, non può prescidere da serie azioni di contrasto al vandalismo sia riposizionando e potenziando l'impianto di videosorveglianza sia aderendo alla piattaforma 'Decoro Urbano' (www.decorourbano.org) che consente di segnalare in tempo reale situazioni di degrado. Progetti semplici, realizzabili – conclude Argenziano – Soluzioni concrete ai problemi dei cittadini”.

   

Commenta su Facebook