Compostiera di comunità, M5S in piazza Mazzini per la campagna informativa

La struttura comporterebbe una serie di vantaggi per la comunità locale

Santa Maria Capua Vetere - Prosegue la campagna informativa del Movimento 5 Stelle che, anche nella città di Santa Maria Capua Vetere, sta promuovendo la cosiddetta compostiera di comunità. Ieri mattina gli attivisti pentestallati sono stati in piazza Mazzini, insieme ai consiglieri comunali Teresa De Bernardo e Giovanni Rossi, per incontrare i cittadini e spiegare loro tutte le ricadute positive che potrebbe avere la struttura.

La compostiera di comunità. Si tratta di piccole macchine utilizzate per accelerare il naturale processo di compostaggio a cui vengono sottoposti i rifiuti organici. Vengono utilizzate per servire da poche decine ad alcune centinaia di utenze domestiche (famiglie) o la necessità di una mensa, di un albergo o altro produttore di scarti organici. Il compostaggio di comunità è spesso anche chiamato compostaggio elettromeccanico, qualora si utilizzino macchine elettromeccanici, o compostaggio comunitario, compostaggio collettivo, compostaggio locale, compostaggio urbano, compostaggio in sito o compostaggio di prossimità. La caratteristica orografica del territorio italiano e la presenza di tanti piccoli Comuni, distanti dagli impianti di compostaggio, rende questa soluzione particolarmente interessante anche dal punto di vista economico.

La struttura, di piccole dimensioni, verrebbe realizzata senza costi per l'Ente in virtù dei contributi previsti su base regionale. Per capire meglio di cosa si tratta, come funziona e quali benefici possano derivare per la collettività si rimanda al precedente articolo sulle compostiere di comunità.

Commenta su Facebook