Presentazione liste Ato, Uniti per cambiare: "Carinaro mortificata"

Il gruppo di opposizione: "I cittadini non avranno un rappresentante locale"

Carinaro - Il gruppo consiliare “Uniti per Cambiare” in seno al Civico Consesso di Carinaro stigmatizza e denuncia alla pubblica opinione un’ultima scelleratezza perpetrata dall’Amministrazione Dell’Aprovitola ai danni di Carinaro in relazione alle elezioni dei rappresentanti all’ATO rifiuti di Caserta che si terranno il prossimo 6 febbraio dove si evince nelle liste presentate questa mattina che il Comune di Carinaro è rappresentato da un cittadino di Maddaloni. Infatti - scrivono in un comunicato - nella Fascia B la lista del centrosinistra presenta Maurizio Reitano di Maddaloni in quota al Comune di Carinaro. E’ un gravissimo affronto a tutti i Carinaresi, tuonano con  indignazione i consiglieri di opposizione, che non ci meraviglia più di tanto. Quello che ci stupisce è il silenzio ignobile degli altri componenti della maggioranza che impegnati in questi giorni a placare i dissidi interni e a guardare bene come conservare la poltrona si lasciano sfuggire un’altra opportunità di rappresentanza del comune di Carinaro. Già in altre occasioni abbiamo denunciato la poca o totale assenza di rappresentanti di Carinaro negli enti strumentali o addirittura di diritto dovuto alla totale negligenza che imperversa in queste persone che rappresentano Carinaro. Questa ultima nefandezza raggiunge il colmo se si legge su qualche giornale on-line che: << nella partita delle correnti e delle varie anime del centrosinistra, il consigliere regionale del Pd Stefano Graziano, dunque, porterà a casa 2 delegati certi (Reitano di Maddaloni e Seguino di Casaluce) oppure un altro ancora titola: il maddalonese Reitano, invece, è stato delegato dal comune di Carinaro >>. E Carinaro? Dopo la mortificazione subita lo andrà pure a votare? Vergogna. Vergogna. Carinaro non merita tutto questo, concludono i consiglieri di minoranza, anzi non vi merita proprio.

Commenta su Facebook