San Tammaro. Isola ecologica, c'è il bando per la costruzione

L’apertura dell’area attrezzata permetterà agli utenti, di smaltire anche quelle categorie di rifiuti non previsti dal normale sistema di conferimento

San Tammaro - Il comune di San Tammaro pubblica il bando per l’edificazione dell’Isola Ecologica. A comunicarlo è l’assessore all’Ambiente, Gennaro Borrozzino. La realizzazione dell’ecopiazzola, dedicata ai rifiuti ingombranti e alla grande differenziata, è un progetto che l’amministrazione capeggiata dal sindaco, Emiddio Cimmino, ha caldeggiato, proprio per l’importanza della ricaduta sul territorio, fin dal precedente mandato elettorale. Il centro di raccolta sorgerà nell’aria industriale, collocata nella periferia sud della cittadina sull’Appia. “E’ un ulteriore passo avanti verso la realizzazione dell’area attrezzata per la raccolta differenziata – spiega Gennaro Borrozzino -. Chiusa la fase progettuale, individuata l’area e ottenuti i fondi regionali, siamo giunti alla fase dell’indizione della gara. Possiamo dire, quindi, di essere arrivati al momento che precede quello dell’edificazione della struttura”. Il comune di San Tammaro, grazie all’attento conferimento dei cittadini si attesta, sui cento comuni della provincia di Caserta, al ventiquattresimo posto, con una soddisfacente percentuale di differenziata.
“Faremo in modo, chiuse le pratiche relative al bando, di dare immediatamente corso ai lavori per avere questo ulteriore contributo alla collettività, nel più breve tempo possibile – spiega il delegato all’Ambiente -. Questo ci permetterà di superare l’attuale percentuale raggiunta che, se pur elevata grazie all’impegno della cittadinanza, può essere di molto migliorata”, E’ un aspetto cui il politico crede fermamente anche perché, maggiore sarà la differenziata e meno leviteranno i costi in bolletta. L’apertura dell’area attrezzata permetterà agli utenti, di smaltire anche quelle categorie di rifiuti non previsti dal normale sistema di conferimento. L’ecopiazzola, infatti, permette di raccogliere i cosiddetti, ingombranti o pericolosi, normalmente non depositabili. “Altro aspetto da non sottovalutare – prosegue l’assessore – è la riduzione dei volumi altrimenti conferibili solo in discarica. Evitare quel tipo di smaltimento equivale a recuperare risorse, ad abbattere i costi e, ripeto ancora una volta, a tutelare l’ambiente in maniera concreta”. Non solo vantaggi per la salute pubblica, però: “Il conferimento nella nostra Isola Ecologica – termina Gennaro Borrozzino – consentirà anche di premiare l’utente virtuoso, attraverso un sistema di controllo elettronico che favorirà altre detrazioni dalle specifiche tassazioni”. Responsabile del procedimento, fino alla chiusura del contratto, è l’ingegnere, Luigi Vitelli, capo dell’ufficio tecnico dell’ente di corso Capitelli. Per meglio centrare la questione, nella mattinata di domani presso il mercato ortofrutticolo sull’Appia, gli amministratori incontreranno gli operatori dell’ortofrutta, per un’ulteriore opera di sensibilizzazione in tema di raccolta differenziata.

Commenta su Facebook