Stir, debiti per 2 milioni di euro a favore del Comune: interrogazione in Senato a firma di Moronese (M5S)

La senatrice: "La Presidenza del Consiglio dei Ministri non ha versato quanto dovuto al Comune ed è quindi inadempiente"

Santa Maria Capua Vetere - "Ammontano a circa 2 milioni di euro i debiti che lo Stato ha contratto con il comune di Santa Maria Capua Vetere per il mancato versamento dell'ICI dal 2004 al 2009 per lo Stir (Stabilimento di Tritovagliatura ed Imballaggio Rifiuti) presente sul territorio del Comune. Dopo una lunga battaglia giudiziaria, una sentenza della Cassazione ha stabilito che le somme devono essere pagate dalla Presidenza del Consiglio". Lo afferma in una nota la senatrice del M5S Vilma Moronese che su questa vicenda ha presentato una interrogazione in Senato lavorando di concerto con i due consiglieri del M5S presenti nel comune, Giovanni Rossi e Teresa de Bernardo.

La notizia è apparsa la prima volta il 25 giugno scorso su Interno18 ma, da quel momento, nulla si è saputo prima dell'intervento del Movimento 5 Stelle.

"Lo Stir è stato dato dallo Stato in gestione alla Fibe, ovvero un privato che ha fatto profitti con l'emergenza rifiuti e quindi non vi è nessun motivo per una esenzione Ici - prosegue la pentastellata - la cartella esattoriale emessa da Equitalia nel 2012 doveva essere immediatamente eseguibile e invece dopo 4 anni ancora nulla è stato riscosso, la Presidenza del Consiglio dei Ministri non ha versato quanto dovuto al Comune ed è quindi inadempiente - precisa Moronese - Come al solito ci sono due pesi e due misure e se i cittadini e i piccoli imprenditori sono vessati finché non saldano i loro debiti con lo Stato non accade lo stesso quando è lo Stato a dover pagare".

QUI il testo integrale dell'interrogazione

Commenta su Facebook