Video - Eco Transider. Zinzi interroga la Giunta Regionale: "Servono risposte chiare"

Il presidente della commissione Terra dei fuochi:"Con la legge su sostanze odorigene non ci sarebbero le proteste". Bonavitacola: "Se la società non si mettere in regola ci saranno conseguenze"

Gricignano d'Aversa - Il caso Eco Transider di Gricignano tiene banco anche in Regione Campania. Proprio in mattinata c'è stata l'interrogazione presentata dal presidente della commissione Speciale Terra dei Fuochi, Gianpiero Zinzi che ha sottolineato: "Nonostante le numerose audizioni e lettere inviate alla giunta regionale sulla questione Eco Transider è palese il ritardo dell'Ente che rappresentiamo" ha detto Zinzi che chiede un intervento concreto della Regione per risolvere un problema che dura oramai da anni e che nella giornata di ieri ha avuto forse il suo culmine in un incendio scoppiato proprio all'interno dell'impianto. Lo stesso Zinzi ha incalzato sottolineando i ritardi che ci sono stati soprattutto nella "discussione della proposta di legge sulle sostanze odorigene. Se fosse stata approvata - conclude - a quest'ora non ci sarebbero le proteste". La risposta è arrivata da Fulvio Bonavitacola, Vice Presidente della Giunta e delegato all'Ambiente che sottolineato come il problema "dell'Eco Transider, società in amministrazione controllata" sia generato anche "da un accumulo di materiale organico ed una carente manutenzione, che ha generato una forte criticità ed ha causato le legittime preoccupazioni e proteste della cittadinanza. Al momento - ha detto Bonavitacola - abbiamo sospeso l'attività di stoccaggio perché non si poteva consentire oltre un'attività che non  garantiva le condizioni minime di tollerabilità della popolazione. Allo stesso tempo è evidente che l'azienda non si metterà in regola ci saranno delle conseguenze". Intanto ache il comitato cittadino 'No Puzza' di Gricignano, in presidio costante da 17 giorni, ha chiesto a gran voce l'intervento del Presidente De Luca

 

GUARDA IL VIDEO DELL'INTERROGAZIONE

 

 

Commenta su Facebook