Forza Italia, Zinzi incontra i giovani: strappo ricucito

Gli esponenti del movimento giovanile: "Volontà di ricominciare a fare politica tra la gente in modo che il nostro partito, che a nostro avviso deve iniziare a puntare seriamente sui giovani, riconquisti la provincia più azzurra di Italia"

Caserta - "Con nostro sommo piacere, gli esponenti del partito hanno accolto la richiesta di poterci incontrare e discutere di quello che è stato il tracollo delle liste forziste in provincia di Caserta e programmare insieme il futuro del nostro partito". Sono le parole degli esponenti del movimento giovanile di Forza Italia che spiegano: "Il primo ad aver voluto ascoltare le nostre richieste è stato il consigliere regionale Gianpiero Zinzi che nella serata di lunedì 4 luglio ci ha dato modo di avere un incontro privato con lui. Nell’incontro noi giovani forzisti abbiamo espresso la volontà di voler ricominciare a fare politica tra la gente in modo che il nostro partito, che a nostro avviso deve iniziare a puntare seriamente sui giovani, riconquisti la provincia più azzurra di Italia. È stata l’occasione di avere un confronto diretto con uno dei vertici casertani del partito, potendo anche analizzare il dato avutosi nell’ultima tornata elettorale e chiedere chiarimenti su ciò che è accaduto in città cardine come, appunto, Caserta e Aversa. La discussione non poteva non vertere anche sul prossimo appuntamento elettorale: il referendum di ottobre, dove Forza Italia e il movimento giovanile avranno un ruolo importantissimo per la vittoria del No. L'onorevole Zinzi si è mostrato disponibile ad ascoltarci e a confrontarsi con la delegazione presente all’incontro e quindi il Movimento tutto lo ringrazia. Oltre a Zinzi anche i vertici regionali, nelle persone dell’onorevole De Siano, Coordinatore Regionale di Forza Italia, e dell’onorevole Cesaro, capogruppo di Forza Italia in Consiglio Regionale, hanno chiesto di organizzare un incontro con il nostro coordinamento provinciale. Ci teniamo a spiegare che il comunicato precedente non era nessuna presa di posizione contro l'onorevole Maria Rosaria Rossi, ma abbiamo voluto solo far capire che le nostre decisioni sono state prese in totale autonomo anche perché, purtroppo, non abbiamo avuto ancora il piacere di incontrarla. Ci auspichiamo di avere al più presto un incontro anche con lei, attuale Commissario Provinciale. Vogliamo chiudere il nostro comunicato con un augurio per il nostro Presidente Silvio Berlusconi, che è stato dimesso dall'ospedale; ci auguriamo che presto ritorni alla vita politica così che possa guidare il grande popolo dei moderati nei prossimi appuntamenti elettorali".

Commenta su Facebook