'No al razzismo': in campo gli alunni di San Tammaro

L'evento mondiale promosso dal dipartimento pari opportunità dell'ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali è stato promosso in città dall'assessore Rossella Bovienzo

San Tammaro - A San Tammaro si è celebrato una mattinata d’intensa partecipazione alla commemorazione della ‘X Settimana d’Azione Contro il Razzismo’, l’evento mondiale promosso dal dipartimento pari opportunità dell’Ufficio nazionale antidisciminazioni razziali, l’Unar. Fortemente voluta dall’assessore alla cultura, Rossella Bovienzo, l’iniziativa odierna, ha visto il coinvolgimento del delegato allo sport, Francesco Della Monica, della dirigente e dell’intero corpo docente della scuola ‘Edmondo De Amicis’.  I sette giorni dedicati alla ricorrenza, dal 17 al 23 marzo, sono connotati dall’arancione, il colore ufficiale dell’iniziativa, che ha invaso con drappi, coccarde, fiocchi e bandierine, il corso principale, i monumenti, gli edifici pubblici e le vie del centro storico cittadino. Dalle nove di questa mattina quasi trecento alunni della primaria, elementare e media, hanno sfilato in corteo per via Domenico Capitelli, con cartelloni, coccarde e palloncini, rigorosamente arancione, accompagnati dagli insegnanti e scortati dai caschi bianchi e da un nutrito gruppo di volontari della protezione civile. L’allegro corteo di scolari, accompagnato anche dal sindaco, Emiddio Cimmino, ha raggiunto lo stadio comunale Appio dove ha dato vita a un mini torneo calcistico. In rappresentanza dell’amministrazione, erano presenti anche, Michele Graziano, presidente del consiglio comunale, Francesco Della Monica, delegato allo sport e Gennaro Borrozzino, assessore all’ambiente, oltre che un nutrito gruppo di genitori. Al termine della celebrazione, Rossella Bovienzo, ha consegnato a tutti gli alunni, una cartolina commemorativa con allegata una coccarda arancione, ponendo l’accento sull’importanza dell’avvenimento organizzato grazie anche al coinvolgimento di un nutrito gruppo di mamme. “Oggi abbiamo sottolineato il nostro fermo ‘no’ al razzismo e a qualsiasi forma di discriminazione – ha spiegato l’assessore Bovienzo – e l’abbiamo fatto con la partecipazione entusiasta e cosciente delle nostre nuove leve perché è da loro che dobbiamo partire nello sviluppo di un nuovo piano sociale. Quella di oggi è stata la migliore risposta, in termini di sensibilizzazione, che si potesse dare all’imbruttimento che ci circonda. La presenza dei genitori e dei tanti concittadini ci ha fatto capire che siamo sulla strada giusta nell’interpretare le esigenze, anche culturali, della nostra città. Devo ringraziare – ha terminato la delegata alla cultura – tutti quelli che hanno contribuito alla perfetta riuscita della manifestazione, dagli insegnanti al gruppo di volontarie che mi ha veramente entusiasmato, dalla protezione civile ai dirigenti dell’associazione calcistica locale. Auspico una nuova occasione per riproporci con il medesimo entusiasmo”. La celebrazione odierna è entrata in perfetta sintonia con l’arrivo della primavera, la stagione simbolo della rinascita, perché no, anche culturale della comunità sull’Appia.

Commenta su Facebook