Amministrative a San Tammaro. Bovienzo sceglie Cimmino

Il decano della politica locale rifiuta la 'grande coalizione' e passa il testimone alla figlia Rossella Bovienzo

San Tammaro - Il decano della politica di San Tammaro, Andrea Bovienzo, scioglie le riserve, spiegando, in maniera chiara e definitiva, le ragione della sua scelta. "Dopo il susseguirsi di notizie che smentisco categoricamente, frutto solo di dichiarazioni altrui tese non so a che cosa – spiega Andrea Bovienzo - finalmente in piena libertà e convinzione ho scelto ufficialmente di partecipare indirettamente alla competizione elettorale delle comunali di maggio con la lista del sindaco uscente Emiddio Cimmino. Da tempo avrei potuto ufficializzare la mia idea ma ho avuto bisogno di più tempo perché, essendo stato capolista di un movimento civico nella precedente tornata elettorale, ho sentito il dovere di relazionarmi con tutto il mio elettorato, per cercare quel consenso unanime nella scelta che ho definitivamente fatto. In questo ultimo quinquennio ho partecipato alle attività amministrative esercitando una opposizione tesa a costruire, nell’interesse della nostra comunità, piuttosto che cedere al populismo della strumentalizzare politica. Lo scenario politico poi che si apprestava a venire fuori appariva, giorno dopo giorno, sempre più privo di una valida e carismatica guida, capace di ribaltare ancora più in positivo quanto questa amministrazione uscente aveva saputo mettere in campo, non senza grosse difficoltà. Quindi conscio di scegliere il certo per l’incerto, sento di dare piena fiducia al sindaco uscente, Emiddio Cimmino, piuttosto che ad una ipotetica grande coalizione che vedo solo come un grande patto di famiglia. Per amministrare – prosegue l’inarrestabile Bovienzo - ci vuole competenza, moralità e soprattutto quella continuità che manca a coloro che si apprestano a contrapporsi. Vane sono rimaste le  ripetute promesse dei coalizzanti per ricevere il mio appoggio elettorale, nel mentre è bastato un semplice e sentito invito dell’amministrazione uscente ricambiato esclusivamente con l’impegno generale a portare a termine sia nell’immediato che dopo le elezioni le mie battaglie di sempre per il bene della collettività".

Ma Andrea Bovienzo, spiega anche il perché del 'passaggio di testimone': "Anche il passaggio del testimone a mia figlia Rossella è stato frutto di confronto e di scelta di gruppo non solo nell’ambito del mio elettorato, ma anche di nuovi simpatizzanti, desiderosi di partecipare attivamente con una rappresentante più vicina a loro. Sono certo che con la sua professionalità e le sue idee, giovani e innovative, saprà, se eletta, essere di sprono, insieme agli altri, per il raggiungimento di nuovi traguardi per la collettività tammarese, purtroppo sfiduciata e abbandonata più per una gestione commissariale pessima e distruttiva. L’amministrazione in carica con sacrifici e continuità è ripartita ed è per questo maggiormente meritevole di ulteriore fiducia".

Ecco dunque sgombrato il campo dalle tante illazioni di questi ultimi giorni; l’avvocato Rossella Bovienzo, figlia di Andrea, raccoglie il testimone del padre, impegnandosi in prima linea al fianco di Emiddio Cimmino.

Commenta su Facebook