'TuttAttaccata', successo al Garibaldi con la compagnia 'Lassastà'

Si conclude la rassegna di teatro amatoriale, prossimo appuntamento al 19 maggio con la serata finale che vedrà sul palco tutte le compagnie

Santa Maria Capua Vetere - Si chiude il sipario sulla prima rassegna di teatro amatoriale al teatro Garibaldi patrocinata dal comune di Santa Maria Capua Vetere. Dopo il grande successo di pubblico dell’intera rassegna l’ultimo appuntamento ha visto sul palco la compagnia teatrale Lassastà in ‘TuttAttaccata’, una commedia scritta e diretta da Ferdinando Troiano, direzione artistica di Francesco Cembalo.

La storia è di una famiglia 'qualunque': l’autoritario padre Mario (Francesco Griffo), la madre Rosaria (Anna Ferraro) logorroica ed invadente, due figlie Marisa (Caterina Tanzi) ed Isabella (Vincenza Cembalo) molto, persino troppo unite. La zia Suor Veronica (Lucia Ferillo) vive con loro. Una notte, un ben assortito trio di finti frati irrompe nella casa credendola disabitata. Francuccio (Antonio Avenia) è un frate originale e sui-generis, Gigino (Stanislao Russo) più pacato e ragionevole e il cieco Tommaso (Mimmo Cecere).

Una volta scoperti i ladri entrano nel ruolo di frati e vengono accettati in casa. Le nuove presenze in casa creano scompiglio e fanno venire a galla una serie di stranezze, ma soprattutto spingono Mario finalmente a confessarsi. Dopo anni di vita matrimoniale Mario sembra aver perso l’intimità con la moglie che, all’arrivo degli uomini col saio, si lascia andare ad un’irresistibile attrazione. Suor Veronica inquieta, vive un dramma che troverà solo al termine una soluzione. Mario confessa anche la storia della figlia, soprannominata TuttAttaccata "Ha poco più di un anno quando rimane attaccata per la mano alla mamma, fino all’adolescenza, poi al padre ed ora la sorella". Questa unione forzata diventa un problema quando la sorella si innamora Antonello (Pasquale Laganà), belloccio di turno che vuole fare carriera televisiva, costantemente seguito dal cameraman e tuttofare Giannino (Luca Sorbo).

Una commedia attuale, divertente e ricca di humor ma anche di spunti di riflessione su una società moderna e malata, con l’unica amara conclusione che il passato non è mai passato e quando si prova a fuggire, questo rivive nei sogni.

Per rivedere sul palco tutte le compagnie della prima rassegna l’appuntamento è al teatro Garibaldi domenica 19 maggio, dove si rivivranno i migliori momenti dello spettacolo in una sfida 'tutti contro tutti'.

Commenta su Facebook