"St. Pauli siamo noi". Domani la presentazione all'Ops di Caserta

L'Officina Popolare dei Saperi, con gli RFC Lions Ska e il collettivo Scira presenteranno Venerdì alle 19, il nuovo libro di Marco Petroni. Storie di un quartiere di Amburgo, di calcio popolare, di antirazzismo e lotte sociali

Caserta - Si terrà domani sera, Venerdì 10 Luglio alle ore 19, presso la sede di OPS - "Officina Popolare dei Saperi", in via Ferrante 1 a Caserta la presentazione del libro "St. Pauli siamo noi. Pirati, punk e autonomi allo stadio e nelle strade di Amburgo". Interverranno e presenteranno la serata con l'autore, Marco Petroni, il team degli RFC Lions Ska Caserta Antirazzista, OPS Officina Popolare dei Saperi e SCIRA Studenti Casertani in Rivolta

St. Pauli è il nome del quartiere portuale di Amburgo e della sua squadra di calcio. Un quartiere segnato da mille contraddizioni: da sempre punto di forza dello sviluppo commerciale della città e luogo di lotta; focolaio di resistenza all’ascesa delle squadre naziste e sede di insurrezioni sempre fallite. Nella prima metà degli anni Ottanta il quartiere è segnato da miseria e abbandono, ma rinasce attraverso i palazzi occupati della Hafenstraße, roccaforte del movimento autonomo e crocevia di tutte le battaglie politiche e sociali dell’epoca, e il Millerntor, piccolo stadio di calcio, all’interno del quale, sotto la bandiera dei pirati e al grido di «Mai più guerra, mai più fascismo, ma più serie C», prende forma una nuova tifoseria e un nuovo modo di intendere il calcio.

"St. Pauli siamo noi" è dunque la storia di un mondo che vive e si nutre di calcio, di quel calcio popolare, antirazzista, antifascista, e contro ogni forma di discriminazione. Un clacio legato a stretto giro al ricordo di infanzia, di partite giocate per strada, sotto un sole cocente o sotto la pioggia. Estrema antitesi del calcio moderno e capitalistico.

 Il St. Pauli FC, diventa la bandiera calcistica della sinistra radicale, della scena squat, degli antagonisti e dei punk, degli utlimi. Grazie ai suoi tifosi capaci di rivoluzionare il tifo tedesco attraverso le lotte sociali. Questi tifosi, penetrati nelle maglie della società sportiva, sono riusciti ad imporre poche pratiche, giuste ed eque norme, l'azione forte contro il razzismo e le discriminazioni sociali. 

Commenta su Facebook