Il popolo campano ucciso dalle istituzioni: Moccia presenta il libro sulla Terra dei fuochi

L'autore di San Felice a Cancello sarà presente, mercoledì 11 giugno, alla Libreria Spartaco di Santa Maria Capua Vetere

Santa Maria Capua Vetere - Da tempo si parla del problema della "terra dei fuochi" e di migliaia di persone che sono colpite e muoiono a causa di malattie tumorali. Ma il problema risale a oltre 30 anni fa. Lo spunto per parlarne ancora è offerto dal libro "La terra dei fuochi. Il popolo campano ucciso dalle istituzioni" (ed. Falco). L'autore Antonio Michele Moccia lo presenterà nella Libreria Spartaco di via Martucci a Santa Maria Capua Vetere (Ce) mercoledì 11 giugno alle ore 18, con interventi di Pasquale Iorio (Aislo) e dalla neo parlamentare Camilla Sgambato.

Il libro. Molti accostano il termine "terra dei fuochi" ai roghi di pneumatici che continuamente si avvistano sul territorio casertano e napoletano. È vero che siamo primi in Italia in questa specialità ma è altrettanto vero che non si può parlare di questione rifiuti in Campania senza conoscere le vicende di alcune società (Fibe ed Eco4) e le mancate bonifiche che hanno devastato il territorio di Bagnoli e la zona dei Regi Lagni. Parlando semplicemente di "terra dei fuochi", afferma Moccia nel suo libro, si fa un piacere alla criminalità organizzata, che predilige il silenzio e la scarsa organizzazione burocratica. Il testo percorre un viaggio lungo 20 anni: sono elencate le inchieste sul traffico e deposito di rifiuti in Campania e i luoghi dove sono state sotterrate tonnellate di rifiuti. In questo preciso momento storico, dopo che le maggiori famiglie di camorra hanno devastato il territorio, ora queste organizzazioni criminali puntano al piatto forte: mettere le mani sui miliardi di euro che arriveranno da parte dello Stato per bonificare i terreni.

L'autore. Antonio Michele Moccia, nato a San Felice a Cancello 30 anni fa, è uno studioso lontano dal mondo politico che cerca di ricostruire, attraverso i documenti delle varie procure italiane, la storia politica e criminale dell'Italia repubblicana.

Commenta su Facebook