"Carri, Cippi e Pastellessa". Dal 26 al 28 Gennaio Sant'Antuono torna a Portico di Caserta

Dopo Macerata Campania, anche a Portico questa edizione si appresta ad essere ricordata per i numeri da record
Macerata Campania passa il testimone, o meglio immagineremmo un simbolico "mazzafune", lo strumento che percuote le botti, alla vicina Portico di Caserta.È tutto pronto, infatti, per bissare i festeggiamenti in onore di Sant'Antonio Abate. L'edizione 2018 della secolare festa vedrà al via 11 Carri di Sant'Antuono che onoreranno il Santo a colpi di botti, tini e falci.Stamattina l'anteprima dei festeggiamenti  con il sorteggio in Piazza Rimembranza dei numeri assegnati ad ogni battuglia.Questi i nomi delle Battuglie di Pastellessa partecipanti secondo l'ordine di sfilata sorteggiato: 1. I ritmi e tradizioni, 2. La compagnia del punto e a capo, 3. 'A pagliarella, 4. Tarantella Sound, 5. 'A musica nov', 6. 'O rion 'e Sant’Antuono, 7. 'E guagliun' 'e Via Trento, 8. La compagnia Suoni e Fantasia, 9. Sant’Antuono ora e sempre, 10. I guerrieri 'e Sant’Antuono, 11. I ragazzi del 2003.La manifestazione organizzata dal  Comune di Portico di Caserta con la Pro Loco di Portico di Caserta e la collaborazione dell’Associazione "Si Amo Portico", prenderà il via venerdì 26 gennaio 2018 per concludere domenica 28 gennaio quando per le strade della città ci sarà la processione dedicata al Santo. Sulla scia dei numeri record registrati nella settimana maceratese, anche Portico quest'anno si appresta a vivere un'intesa tre giorni di musica, folklore e tradizioni caratterizzata dalla massiccia presenza dei bottari impegnati in ogni battuglia. Saranno infatti 800 i partecipanti ad una festa che, già nei numeri, sembrerebbe non deludere le aspettattive degli appassionati del genere e di chiunque ami l'atmosfera che tradizionalmente aleggia intorno a questo evento.Tradizione in musica ma anche nei piatti. Nel corso dell'evento sarà possibile degustare la past'e'llessa, ovvero la pasta con le castagne lesse. Un'edizione quella del 2018 da incorniciare e da conservare negli annali "santantuoniani" come quella della sinergia ritrovata con Macerata Campania (progetto cofinanziato dal POC Campania 2014-2020), possibile apripista di una crescente collaborazione e di una piu' intensa partecipazione unitaria all'evento che, più, di ogni altra cosa, connota la portata storico-culturale di entrambe le comunità.Il Progetto, partito nel mese di dicembre scorso con l'allestimento dei carri e le prove musicali delle battuglie, ha ricevuto il patrocinio morale della Provincia di Caserta, del Centro per l'UNESCO Caserta e del Comitato ICHNet. Partner dell’evento Radio Marte e Tv2000. Per maggiori informazioni visita il sito web ufficiale www.santantuono.it.

Commenta su Facebook