Caserta: arriva “Happy Theatre”, il cartellone dei grandi eventi di Natale

L'opposizione ha individuato poca trasparenza nei dettagli della programmazione e ha deciso di presentare una richiesta di accesso agli atti

Caserta - E’ stato pubblicato e reso noto durante una conferenza gremita di associazioni e giornalisti, il programma degli eventi organizzati dal Comune di Caserta per festeggiare il Natale 2017. Un cartellone ricco di eventi esclusivi, che ha preso il via dal 2 dicembre e che accompagnerà la città sino al 7 gennaio. Un impegno che, a partire già dalla scorsa stagione, ha visto l’attuale amministrazione prendere in seria considerazione il vincolo culturale ed artistico alla base della creazione di grandi eventi. 

I protagonisti attivi dell’attenta pianificazione, dopo i saluti ed i ringraziamenti del sindaco Carlo Marino alla Regione Campania promotrice a livello regionale del connubio cultura e teatro ed alla Camera di Commercio animatrice di un ulteriore cartellone di eventi, hanno in prima persona illustrato e narrato i percorsi che li hanno visti protagonisti e che hanno reso possibile questo progetto. Dall’assessore agli Eventi e alle Attività Produttive Emiliano Casale, che si è speso moltissimo per garantire l’alto livello delle manifestazioni in cartellone, all’assessore alla Cultura Daniela Borrelli, alle associazioni, ai Lions che offriranno il concerto della befana ed a tutti coloro che hanno partecipato garantendo impegno e collaborazione: nessuno è stato dimenticato e per ciascuno sono stati spesi giusti ringraziamenti.

“C’è una comunità, c’è una città che si mette insieme per comporre un modello di proposta che non ha solo l’intento di celebrare il Natale, favorendo le iniziative e l’economia, ma anche il desiderio di stare insieme per costruire un’identità condivisa che vada ben oltre gli eventi stessi” ha precisato il sindaco. L’obiettivo è quello di tessere insieme l’espressione locale con quella globalizzata ed internazionale, connettere le radici culturali casertane (Avion Travel, Francesco Piccolo) con quelle oltreoceano (Patti Smith, Noa e altri). Ma alla gratificazione mossa nei confronti di tutti i vari contribuenti, si affiancano le numerose sottolineature che hanno voluto ribattere le critiche spesso mosse all’amministrazione, accusata di mancanza d’iniziativa. “Dove sono le associazioni di categoria dei commercianti, dove gli albergatori, le associazioni per il turismo? Pur sollecitati hanno affermato di non poter contribuire né in termini economici, né tantomeno attraverso iniziative”. Sono amare le considerazioni del primo cittadino il quale, pur volendo evitare polemiche, sollecita un fare partecipato e coeso piuttosto che l’esercizio di  sterili lamentele di corridoio. Questo il dato rilevato dall’amministrazione, impegnata a rilanciare l’immagine e l’appeal di una città per favorire anche quelle categorie che da tale attività potrebbero trarre i maggiori vantaggi ma che , chiamate a partecipare, hanno preferito defilarsi. “Lo stare insieme è uno stile di vita – ha concluso Marino -, non lo si fa solo quando si prende, ma soprattutto quando si dà , in termini di energie, di collaborazione, di confronto e di attivismo serio. Al termine di due manifestazioni d’interesse a cui hanno partecipato tante associazioni e tanti privati, non si è visto il contributo di chi realmente doveva partecipare”.

“Happy Theatre”, questo il nome del cartellone, raccoglierà il miglior repertorio possibile dedicato a grandi e piccini, ai tanti nostalgici della musica degli anni ’80 e ’90, prestando però un occhio di riguardo al grande teatro. Oltre agli artisti che si esibiranno in importanti kermesse (si parte, appunto, da Patty Smith, passando per Francesco Piccolo, Lina Sastri, Enzo Avitabile, Hevia, Noa e Solis String Quartet e Avion Travel), saranno tante le manifestazioni che coinvolgeranno piazze, strade e chiese sparse per ogni angolo della città, senza concentrarsi, come di consueto, solo nella zona del centro. Segnaliamo, tra i tanti, l’immancabile appuntamento con il festival dello “Street Food” di Corso Trieste (8,9 e 10 dicembre), il “Natale con i Bimbi” a piazza Sant’Anna (17 dicembre) ed il nuovissimo Villaggio di Babbo Natale di Viale Carlo III, allestito lo scorso weekend ed aperto fino al 7 gennaio. Per il teatro, si parte venerdì 8 con “Il mito di Aracne” presso il Real sito di San Leucio e si proseguirà per tutto il periodo natalizio con le rappresentazioni  della Compagnia della Città e Fabbrica Wojtyla in tourneè per le tante chiese di Caserta. Il prezzo dei biglietti è estremamente “popolare”: 2 euro più 1 euro di prevendita per i grandi artisti, il resto è tutto gratuito.

Un Natale in grande stile a cui non si è davvero badato a spese. I numeri infatti, parlano chiaro: è di oltre 500mila euro il finanziamento stanziato dalla regione Campania, anche in virtù del proseguimento del rilancio di un capoluogo strategico che, indipendentemente dalla triste nomea nazionale, sta da tempo attirando un notevole afflusso di turisti. Eppure, all’entusiasmo dell’amministrazione si contrappone lo scetticismo di una buona parte dell’opposizione, la quale ha individuato poca trasparenza in riferimento ai dettagli della programmazione. Per tale motivo, il gruppo consiliare di Speranza per Caserta ha recentemente deciso di presentare una richiesta di accesso agli atti  per acquisire documenti di maggiore dettaglio in merito al corposo investimento. “Non si tratta – come spiegato dal capogruppo di Speranza Francesco Apperti” – di una mancanza di fiducia nei confronti dell’attuale amministrazione, ma di un’azione preventiva che tiene conto delle tante opinabili e poco chiare gestioni degli eventi culturali, attuate soprattutto dalle precedenti consiliature. E’ un’operazione di verifica anche in relazione a tutto ciò che farà da “contorno” agli eventi: allestimenti, service e comunicazione oltre alla contrattualistica per gli artisti in cartellone“.

 

 

Commenta su Facebook