Dall’arena allo schermo: doppio appuntamento con il cinema all’ombra dell’anfiteatro

Venerdì 21 alle ore 21.00 “Lasciati andare”. Ospite della serata sarà il regista Francesco Amato

Santa Maria Capua Vetere - Doppio appuntamento questa settimana con la fortunata e seguitissima rassegna “Dall'arena allo schermo” che vede la proiezione di indimenticabili pellicole all’ombra dell’Anfiteatro Campano di Santa Maria Capua Vetere, su iniziativa dell’associazione Arthmòs. Appuntamento stasera alle ore 21.00 con “La notte che mia madre ammazzò mio padre” di Ines Paris cui seguirà, venerdì 21 alle ore 21.00 “Lasciati andare”. Ospite della serata di venerdì sarà il regista Francesco Amato.

<<Siamo felici di ospitare il regista Francesco Amato - ha spiegato Francesco Massarelli che ne cura la direzione artistica insieme ad Antonella Rossetti - per la presentazione di un'opera, che in linea con la nostra programmazione, riesce a ridefinire i canoni della commedia, regalandoci, in particolare, una straordinaria interpretazione comica di Toni Servillo. Il film, che si avvale di una sceneggiatura molto ben congegnata, mette insieme un distaccato psicanalista di origini ebree, un'eccentrica personal trainer spagnola ed una sgangherata gang criminale in un crescendo di situazioni divertenti e rocambolesche. Accanto a Toni Servillo e alla giovane attrice spagnola Veronica Echegui restano memorabili anche le interpretazioni di Luca Marinelli, di Carla Signoris e Valentina Carnelutti. Nel cast anche Giacomo Poretti. Il regista Francesco Amato, torinese di nascita, è al suo terzo lungometraggio dopo l'esordio del 2006 con "Ma che ci faccio qui" e il successo di "Cosimo e Nicole" con Riccardo Scamarcio del 2012>>.

Un fuori programma tutto da gustare quello organizzato dai soci dell’Arthmòs, capaci di portare sotto le stelle film spettacolari che già nelle scorse settimane hanno fatto registrare il tutto esaurito.

Commenta su Facebook