Portico accoglie: sabato in piazza musica e divertimento con Solidarci

L’iniziativa rientra nel più vasto cartellone di eventi realizzato in occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato e vede il patrocinio del Comune di Portico di Caserta e della Pro loco locale

Portico di Caserta - Far conoscere e rafforzare i percorsi di accoglienza integrata realizzati nell’ambito dello SPRAR di Portico di Caserta, comunicare e diffondere il diritto di asilo e le storie e la condizione in Italia di richiedenti e titolari di protezione internazionale, verso una nuova narrazione dell’accoglienza: sono questi solo alcuni degli obiettivi di “Portico Accoglie”, l’evento in programma sabato 8 luglio a partire dalle 17.30 in piazza Rimembranza. L’iniziativa, fortemente voluto da Solidarci e Arci Caserta, rientra nel più vasto cartellone di eventi realizzato in occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato e vede il patrocinio del Comune di Portico di Caserta e della Pro loco locale.

Si parte alle 17.30 con l’apertura degli stand allestiti da numerose associazioni cui seguirà “Operazione Silhouette”: un laboratorio di pittura creativa rivolta ai bambini. Alle 19.30 sarà la volta di ATTAYA, Incontri culturali al the, ovvero un’attività laboratoriale rivolta a tutti, grandi e bambini. Grazie alla collaborazione dei soci di Generazione Migrante il tradizionale rito che vede raccogliersi in cerchio in attesa della preparazione del the diventerà un ‘ occasione di scambio di storie, usi e costumi. Spazio anche alla musica, dalle ore 20 i beneficiari dello SPRAR daranno il via alle danze con balli e coreografie realizzate per l’occasione. Alle ore 21.30 invece è previsto il live dei Rawelgue di Burkina, un gruppo che saprà ben mescolare i ritmi della musica africana e quelli della musica napoletana. Va ricordato che nel corso della manifestazione sarà allestito un spazio dedicato alla raccolta firme della Campagna “Ero straniero-l'umanità che fa bene”: una campagna culturale e una legge di iniziativa popolare per superare la legge Bossi-Fini e vincere la sfida dell’immigrazione.

 

Commenta su Facebook