'La Musica può fare': al via la sesta edizione

Tutto pronto per l'attesa kermesse organizzata dal Club 33 Giri nella splendida cornice di Villa Cristina a Santa Maria Capua Vetere

Santa Maria Capua Vetere - Domenica 18 giugno 2017, a partire dalle ore 17 fino alla mezzanotte, in Villa Cristina a Santa Maria Capua Vetere (Ce), si terrà  la sesta edizione del Festival ‘La Musica può fare’. La villa si trova in via G. Cappabianca. Il festival di musica e arte totalmente autofinanziato, ideato e organizzato dall’associazione culturale no profit sammaritana Club 33 Giri, sposa e sostiene un progetto di carattere sociale per il sesto anno consecutivo. Per quest’anno parte del ricavato dell’evento, infatti, sarà donato al centro diurno “La Fabbrica” – Cooperativa Sociale 'Federico Ozaman’ di Caserta. L'ingresso avviene con contributo minimo volontario di 5 euro.  Sette ore tra musica, performance, aree tematiche, stand di artigianato e arte del riciclo, mostre fotografiche e pittoriche. Sul main stage saliranno Discoverland, progetto di Pier Cortese e Roberto Angelini, Blindur e Fitness Forever. Sarà allestito un secondo palco sul quale si esibirà al tramonto il pianista Bruno Bavota. La spiaggia arriva in città: è questo il leitmotiv dell’edizione 2017. A questo tema si ispirerà l’allestimento della location. Si rinnova così l'appuntamento con uno degli eventi estivi più attesi della provincia di Caserta. L'ingresso con contributo minimo volontario di 5 euro.

‘La Musica può fare’ 6 si terrà domenica 18 giugno 2017, a Santa Maria Capua Vetere (Ce), in Villa Cristina.  Parte del ricavato dell’evento sarà donato al centro diurno “La Fabbrica” – Cooperativa Sociale 'Federico Ozaman’ di Caserta. Il Centro “La Fabbrica” è una struttura territoriale rivolta a soggetti in condizione di disabilità per i quali non è prevedibile nel breve periodo un percorso di inserimento lavorativo e formativo. E’ un servizio aperto alla comunità, con funzioni di accoglienza e supporto alla famiglia, teso a promuovere interventi educativi e abilitativi con progetti personalizzati. Le attività che promuove e organizza sono numerose e varie: dalla musicoterapia alla pet therapy, ai laboratori di teatro, pittura, movimento e danza, estetica e giardinaggio.

'La Musica può fare' è un evento coinvolgente a trecentosessanta gradi, un momento di aggregazione unico nel suo genere dove arte e solidarietà si incontrano dando vita ad un'esperienza emozionante. I cancelli di Villa Cristina si apriranno alle ore 17 e fino alla mezzanotte si susseguiranno moltissime attività di vario genere. Sarà possibile vivere appieno le diverse aree predisposte all'interno della villa. Ci sarà: l'area dedicata ai ritratti poetici a cura di Maria Pia Dell'Omo e Francesca Saladino, l'area dedicata ai mercatini di artigianato e riciclo creativo che esporranno un'ampia gamma di prodotti handmade e vintage, l'area mostre. Nell’area espositiva si potranno apprezzare le mostre fotografiche di Martina Esposito e Miriam Mercone, la mostra che raccoglie le fotografie realizzate nell'ambito del terzo corso di fotografia del Club 33 Giri tenuto dal fotografo Nicola D'Orta, le illustrazioni di Valentina De Luca e di Microracconti & altri scarabocchi, i dipinti di Carlo Latino. Al tramonto su un secondo palco appositamente allestito si esibirà il pianista napoletano di fama internazionale Bruno Bavota. Tre milioni di streaming su Spotify per il brano “La Luce Nel Cuore”, la sua musica ha conquistato il marchio Apple, che ha scelto il brano “Passenger” per uno spot, e Paolo Sorrentino che ha inserito “If Only My Heart Were Wide Like The Sea” nella colonna sonora della serie “The Young Pope”. A partire dalle 20.30 saliranno sul main stage Discoverland, progetto di Pier Cortese e Roberto Angelini, Blindur e Fitness Forever.  L’idea alla base del progetto Discoverland è quella di riutilizzare opere musicali come materia prima di nuovi esperimenti musicali, cercando di guardare il tutto da una nuova prospettiva. Pier Cortese e Roberto Angelini hanno all'attivo insieme due dischi. Il secondo album, “Drugstore”, è stato pubblicato nel 2016. Blindur è il duo composto dai polistrumentisti Massimo De Vita e Michelangelo Bencivenga, un progetto dalle sonorità ricche e articolate ispirate al folk e al post rock nordico, i cui testi si rifanno alla tradizione e alla poetica della canzone d'autore italiana. In soli tre anni hanno già ottenuto numerosissimi riconoscimenti e collaborazioni importanti, partecipando a festival in Italia e all'estero. A gennaio di quest'anno è stato pubblicato il loro omonimo disco d'esordio che ha ottenuto grande successo di pubblico e critica. Nati nel 2007 da una costola di Barbara Bouchet, i Fitness Forever declinano il pop in una maniera assolutamente unica e sorprendente. Il primo disco “Personal Train” del 2009, è stato accolto calorosamente in tutto il mondo: presenza fissa nei palinsesti di BBC Radio, Radio 1 in Spagna, J-Wave di Tokyo.  Nel 2014, collaborano con Erlend Øye dei Kings of Convenience, aprendo i concerti di Roma, Bologna e Milano, e dividendo il repertorio di Kings of Convenience, Whitest Boy Alive e Fitness Forever. Nel 2016 sono cominciate le registrazioni del terzo disco, in uscita in autunno prossimo per Elefant Records, anticipato dal singolo “Tonight” pubblicato a maggio 2017.

I partner della sesta edizione sono: UBIA, WeDesign, Teatro Civico 14, Music Coast to Coast, Gold Web Tv, Oca Nera Rock, The Otherside, Le Rane, Reset Festival Torino. Sponsor dell’evento: Trippadvisor, Agricola San Teodoro, Rugantino Risto Pizza Pub, Farmacia Dr. Bruno, Sica Shop, Metal Service, Porte a Porte, Termoelettrica Valentino, Ritmi Urbani s.n.c., Wellness House, Politico Supermercati, Tafuri- Farmacia del leone / Estetica e benessere.

Commenta su Facebook