'Appia: Regina Viarum', convegno con Archeoclub al Teatro Garibaldi

Per l'occasione saranno esposte anche opere figurative e plastiche, nonché una mostra fotografica di soggetti attinenti al tema

Santa Maria Capua Vetere - Sabato 25 febbraio 2017, nel Salone degli Specchi del Teatro Garibaldi di Santa Maria Capua Vetere (ore 16.30), l'Archeoclub d'Italia sede di Santa Maria Capua Vetree organizza un convegno pubblico dal titolo "Appia: Regina Viarum". L'approfondimento e la divulgazione del gioiello della viabilità messa a punto dalla civiltà romana sono stati promossi già dal 2012 dall'Archeoclub Nazionale ed hanno visto coinvolte importanti istituzioni (regioni, province, comuni, scuole e associazioni culturali) sparse lungo il tragitto dell'importante arteria, ognuna delle quali, per il tratto di propria competenza (da Roma fino a Brindisi) ha portato il proprio contributo.

Al convegno parteciperanno l'avvocato Antonio Mirra (sindaco del Comune di Santa Maria Capua Vetere che patrocinato l'evento), il dottor Emiddio Cimmino (sindaco del Comune di San Tammaro che ha dato il patrocinio morale), il dottor Antonio Crisci (Presidente della locale sede dell'Archeoclub e Consigliere nazionale), il dottor Ugo Zannini (Direttore del Museo Archeologico del vino di Falciano del Massico), il professor Silvano Franco (Docente di Storia Contemporanea all'Università di Cassino e del Basso Lazio nonché Direttore della Rivista "Civiltà Aurunca"), il dottor Claudio Zucchelli (Magistrato e Presidente Nazionale Archeoclub d'Italia), l'avvocato Antonio Meola (Ricercatore Sun di Santa Maria Capua Vetere presso la Facoltà di Giurisprudenza), il dottor Rosario Santanastaso (Segretario Nazionale Archeoclub d'Italia) e l'architetto Francesco Di Cecio (Presidente Archeoclub Sede di Capua e Delegato Regionale).

Saranno esposte anche opere figurative e plastiche, nonché una mostra fotografica di soggetti attinenti al tema. A conclusione, un concerto di musica classica dei Maestri Sabatino Cante e Antonio Avagliano.

L'ingresso al convegno e al concerto è libero.

Commenta su Facebook