Smcv. Il senso del Natale: successo per il presepe vivente di studenti e utenti dell'Uosm

Eccellente risultato per la sinergia tra Unità Operativa di Salute Mentale, Amministrazione Comunale, Liceo Classico G.Nevio

Santa Maria Capua Vetere - Ha raggiunto un eccellente risultato la sinergia tra Unità Operativa di Salute Mentale, Amministrazione Comunale, Liceo Classico G.Nevio ed associazioni di volontariato profusa al fine di allestire il presepe vivente andato in scena il 28 ed il 29 dicembre scorso nella location dell’atrio dell’Istituto Statale d’Istruzione Superiore Secondaria “E.Amaldi – G.Nevio” .  Gli studenti del Liceo Classico e gli utenti dell’UOSM del Distretto Sanitario sammaritano hanno rappresentato alcune scene della Natività, suscitando grande interesse nel numeroso pubblico accorso, grazie anche al contributo e la collaborazione dell’AVO, del CIF, delle Cooperative Attivarci e Aperion. L’iniziativa è stata fortemente voluta dal Direttore dell’UOSM dott. Gaetano De Mattia e dal Responsabile del Liceo Classico  prof. Carlo Guarino che hanno presentato l’iniziativa il 28 dicembre sera assieme al vice Sindaco ed Assessore al Volontariato dott.ssa Assunta Amelio ed al Docente di Filosofia prof. Sergio Iorio,  alla presenza  tra l’altro, di rappresentanti di varie associazioni cittadine tra le quali l’Avis, genitori di utenti dell’UOSM. Il presepe vivente è stato anche visitato il 29 mattina da S.E. Monsignor Salvatore Visco, Arcivescovo di Capua, il quale si è intrattenuto con studenti e figuranti del presepe ascoltando  la declamazione di alcune poesie natalizie.   Un’iniziativa quella della rappresentazione della Natività che ha messo in chiaro le enormi potenzialità degli utenti dell’UOSM, non nuovi a performance artistiche, ha coinvolto ancora una volta gli studenti del Nevio, realtà scolastica che intende aprirsi sempre più alla città attraverso il coinvolgimento della cittadinanza, ha visto sensibile e disponibile l’Amministrazione Comunale che ha inserito l’evento nel cartellone natalizio e ha coinvolto alcune associazioni del territorio che da anni collaborano con la struttura sanitaria di Via dei Romani.          

Commenta su Facebook