"Shakespeare, Cervantes e i Rosacroce", il convegno a Caserta

Il convegno si terrà venerdì 16 presso la Biblioteca comunale "Ruggiero"

Caserta - Il 2016 è stato un anno molto particolare. Quattrocento anni fa scomparivano due personaggi cruciali per la cultura dell'occidente. Per caso concludono il loro percorso terreno nello stesso giorno, il 23 aprile, William Shakespeare e Miguel de Cervantes. L'occidente si ritrova improvvisamente più povero. Ma, come sempre accade, se il fato da una parte toglie, dall'altra concede. 

Infatti questo è anche l'anno in cui vengono pubblicate per la prima volta Le nozze chimiche di Christian Rosenkreutz, testo oscuro e ad alto contenuto simbolico che rappresenta una delle tre opere fondamentali, e forse la più significativa, del movimento della Rosacroce, un leggendario ordine segreto risalente al secolo XV che ebbe miglio fama e notorietà solo dal XVII secolo.

Per celebrare i quattrocento anni di queste tre particolari ricorrenze, l'associazione 11.11.11 organizza, venerdì 16 dicembre alle ore 17 presso la Biblioteca comunale "Alfonso Ruggiero" di Caserta il convegno "Shakespeare, Cervantes e i Rosacroce "per mettere in luce le relazioni, stimolare le suggestioni ed evidenziare i significati simbolici che è possibile cogliere nei due autori e nelle Nozze chimiche. 

Al tavolo dei relatori saliranno Angelo Calabrese, Antonio Dentice D'Accadia e Corrado Santamaria, moderati da Giovanni Saladino. Gli interventi saranno intervallati da letture teatralizzate di brani di William Shakespeare di Miguel de Cervantes e dei Rosacroce accompagnati da un sottofondo musicale.

Commenta su Facebook