'La Notte di Diana' a San Prisco, parla il direttore artistico Rosario Copioso

"Abbiamo immaginato un percorso musicale, artistico, gastronomico con un chiaro richiamo all’elemento ‘Terra’ e alle radici, con una particolare attenzione all’oliva aitana"

san prisco - ‘Terra’: questo è l’elemento che unisce tutti gli eventi che si susseguiranno domenica 23 ottobre 2016 a San Prisco, nell’ambito della prima edizione de ‘La Notte di Diana – Cultura e tradizione alle pendici del Tifata’, manifestazione co-finanziata dal ‘Poc Campania 2014-2020’, ed organizzata dall’amministrazione comunale, diretta dal primo cittadino Domenico D’Angelo, e dagli assessorati al Marketing territoriale, Politiche giovanili e Cultura guidati dal vicesindaco Rosaria Pasquariello. A parlarci del progetto da cui nasce la rassegna è il direttore artistico Rosario Copioso, attore e regista, tra i maggiori interpreti del cosiddetto ‘Teatro off’, molto attivo anche nell’associazionismo con il gruppo ‘Basilisco’, con il quale realizza laboratori di vario genere, rivolti principalmente ai giovani. «Insieme ai rappresentanti dell’amministrazione comunale di San Prisco e ai componenti della associazioni locali impegnati nella realizzazione dell’evento – afferma Copioso – abbiamo deciso di fare della ‘Terra’ il filo conduttore di tutto ciò che sarà realizzato durante ‘La Notte di Diana’. Abbiamo immaginato un percorso musicale, artistico, gastronomico con un chiaro richiamo all’elemento ‘Terra’ e alle radici, con una particolare attenzione all’oliva aitana, pregiato prodotto che nasce nei campi di San Prisco, a cui sarà dedicato il convegno che inaugurerà la manifestazione. L’idea – continua il direttore artistico – di aprire le corti che si trovano nel centro storico di San Prisco e trasformarle in luoghi di spettacoli, nasce da una mia personale esperienza avuta durante la partecipazione, in questo caso da artista, ad un’altra rassegna. I fantastici portoni saranno illuminati ed animati da tanta musica ed abbelliti dalle mostre artistiche. Il vero e meraviglioso obiettivo de ‘La Notte di Diana’ è quello di rilanciare il territorio. Anche da questo presupposto nasce la voglia di coinvolgere numerosi artisti del casertano, spesso proprio di San Prisco, oltre a scuole di danza e di canto cittadine, che diventeranno protagoniste della rassegna grazie all’interessamento del vicesindaco Pasquariello. A rendere realmente speciale la giornata, ci penserà Giuliano Palma con le sue fantastiche melodie, durante il concerto che chiuderà ‘La Notte di Diana’. Voglio ringraziare – conclude Rosario Copioso – l’amministrazione comunale di San Prisco e tutti gli organizzatori dell’iniziativa. In queste settimane, abbiamo lavorato con grande serenità, sostenendoci a vicenda e condividendo tutte le scelte».

 

Commenta su Facebook