Festa di Sant'Antuono, all'evento anche 'I Bottari della Cantica Popolare"

I giovani artisti maceratesi, reduci dalle importanti affermazioni al Leuciana Festival ed al Primo Maggio, hanno voluto nuovamente manifestare il proprio attaccamento alla propria comunità locale

Macerata Campania - Anche quest’anno il cantautore Stany Roggiero ed I Bottari della Cantica Popolare hanno scelto di partecipare alla Festa di Sant'Antuono a Macerata Campania, "Paese della Pastellessa", uno degli eventi più importanti nel panorama delle feste popolari/religiose della Regione Campania. 

I giovani artisti maceratesi, reduci dalle importanti affermazioni al Leuciana Festival ed al Primo Maggio, hanno voluto nuovamente manifestare il proprio attaccamento alla propria comunità locale, allestendo il tradizionale carro anche nel 2016.

L’evento è organizzato dalla Chiesa Abbaziale San Martino Vescovo diretta da don Rosario Ventriglia con l’Associazione Sant’Antuono & le Battuglie di Pastellessa di Macerata Campania, accreditata come NGO presso l’UNESCO, con il patrocinio della Commissione Nazionale Italiana per l'UNESCO, della Regione Campania, della Provincia di Caserta, del Comune di Macerata Campania e del Comitato per la Promozione del Patrimonio immateriale ICHNet.

“Mi è sembrato naturale – racconta Stany Roggiero - leader de I Bottari della Cantica Popolare – conservare l’abitudine di partecipare alla festa del nostro paese per ricambiare l’affetto e l’attenzione dedicati in questi anni da Macerata Campania al mio percorso artistico e questa estate alla presentazione del mio primo CD. Abbiamo iniziato a suonare qui più di dieci anni fa, abbiamo girato per queste strade percuotendo botti tini e falci, abbiamo coltivato qui la passione per la musica: oggi ci torniamo emozionati, con la semplicità e l’allegria di sempre, seppur arricchiti dalla splendida esperienza artistica vissuta negli ultimi due anni”.

Sono in tutto 18 le Battuglie di Pastellessa iscritte alla festa che, coinvolgendo circa 1000 suonatori di ogni età, animeranno il paese con i ritmi dell’antichissima tradizione maceratese, percorrendone vie e piazze sui famosi carri allestiti per l’occasione.

“I Bottari della Cantica Popolare nascono qui ed è giusto che continuino a nutrirsi delle proprie radici – riconosce sorridente Massimo Viggiano, Music Management del gruppo – proprio come quando li ho conosciuti. E’ bello vederli partecipare a questi giorni di festa con lo stesso entusiasmo, lo stesso impegno e la stessa professionalità, così come quando siamo stati in Rai o ad eventi internazionali o sul palco con big della musica italiana”.

Il 17 gennaio sarà il momento clou della manifestazione. La giornata si aprirà con la Processione e la Santa Messa dedicata a Sant’Antonio Abate ed a mezzogiorno si potrà assistere al tradizionale spettacolo dei fuochi pirotecnici figurati, nel quale figure legate alla vita del Santo ('a signora 'e fuoco, 'o puorco, 'o ciuccio e 'a scala) verranno fatte esplodere, come segno di distruzione del male, nella piazza principale del paese sotto la visione attenta del pubblico festante.

Commenta su Facebook