Archeologia e musica: Santa Maria Capua Vetere invasa da 10mila persone

I numeri de 'La Città sotto la Città 2014': la soddisfazione di Sovrintendenza e Comune

Santa Maria Capua Vetere - 4.073 le visite registrate nei siti archeologici dell’Antica Capua. 5600 circa gli spettatori che hanno assistito agli eventi organizzati nelle incantevoli cornici dell’Anfiteatro Campano e del Teatro Garibaldi. 42.270 le interazioni registrate dalla pagina Facebook dedicata alla manifestazione. Sono i numeri ottenuti - da giovedì 25 a domenica 28 settembre - dalla kermesse ‘La Città sotto la Città 2014’, l’evento finalizzato a promuovere e valorizzare il patrimonio storico ed archeologico della città di Santa Maria Capua Vetere e dei comuni limitrofi.  

Con la quinta edizione de ‘La Città sotto la Città 2014’, partendo dall’importanza storica dell’Antica Capua, si è creato un connubio ‘spettacolare’ attorno all’immenso patrimonio artistico presente nella città di Santa Maria Capua Vetere.

“Il progetto di ‘La Città sotto la Città’ - ha commentato il sindaco Biagio Di Muro - nasce con questa amministrazione e grazie all’intuizione dell’allora assessore Mario Tudisco. Oggi, alla quinta edizione, l’idea è stata premiata non solo dal riconoscimento della Regione Campania che ha concesso il finanziamento, ma anche dall’enorme successo di pubblico e dal consenso generalizzato riscontrato dalla manifestazione. I concerti, le visite guidate, le aperture serali, il coinvolgimento della città e di tanti giovani hanno, senza ombra di dubbio, portato risultati concreti e duraturi nella valorizzazione delle nostre risorse storiche e archeologiche”.

“Ringrazio - ha dichiarato il funzionario ai Beni Archeologici della città del Foro, la dottoressa Ida Gennarelli - tutti quelli che hanno consentito l’ottima riuscita della manifestazione. Si è trattato di un evidente successo confermato dalle tantissime visite registrate in città durante i giorni di svolgimento della kermesse. Il tutto è stato reso possibile grazie all’eccellente sinergia tra gli attori coinvolti, partendo dagli archeologi che hanno rappresentato il perno della manifestazione e che da anni lavorano con la Sovrintendenza considerando che la manifestazione stessa è giunta alla sua quinta edizione grazie anche all’ottimo lavoro impostato dal dottor Francesco Sirano che mi ha preceduto nella responsabilità della gestione dell’ufficio scavi di Santa Maria Capua Vetere. Un ringraziamento particolare anche ai volontari della protezione civile, alla polizia municipale, alla Croce Rossa, al personale della Sovrintendenza e al Comune. Il successo dell’evento è legato al contesto stesso in cui nasce: l’importanza del patrimonio archeologico presente in città ha permesso di creare una serie di eventi (concerti) che, in realtà diverse da quella sammaritana, sarebbero stati realizzati negli stadi o nelle piazze. Invece a Santa Maria, il connubio tra le componenti artistiche ed archeologiche ha permesso che la manifestazione riuscisse al meglio”. 

“Sono particolarmente soddisfatto per l’eccezionale riuscita dell’evento ‘la Città sotto la Città’, un successo senza precedenti, testimoniato dall’entusiasmo dilagante dei cittadini e dalla massiccia partecipazione ai concerti e alle visite guidate ai siti archeologici di tanti visitatori giunti anche da fuori regione”. Sono le parole dell’assessore al Marketing Territoriale del Comune di Santa Maria Capua Vetere Rosario Lebbioli. “Santa Maria Capua Vetere non viveva da troppo tempo momenti spettacolari di aggregazione e di coinvolgimento così maestosi, salutati dal convinto compiacimento delle migliaia di persone che hanno vissuto quattro giorni all’insegna della cultura, dell’archeologia e della musica. La scelta strategica - ha continuato Lebbioli - di progettare ed organizzare eventi di alta qualità, con la partecipazione di artisti di fama internazionale, come volano di promozione e valorizzazione del nostro patrimonio archeologico si è rivelata ampiamente vincente, come dimostrano inequivocabilmente i dati registrati in termini di presenze e di soddisfazione; già la Regione Campania aveva premiato il nostro progetto, classificatosi sesto sui 127 ammissibili e sui 37 finanziati, nonché primo in assoluto tra i progetti presentati dai Comuni della provincia di Caserta.  Santa Maria Capua Vetere ha avuto, così, la possibilità di presentare le sue bellezze storiche ad un ampio pubblico di visitatori, molti dei quali mai erano stati in città, né conoscevano le testimonianze archeologiche dell’Antica Capua; contestualmente va con piacere rilevato il positivo impatto economico, diretto ed indiretto, che eventi di tal genere producono oggettivamente sull’intero territorio. Desidero, infine, ringraziare tutti coloro i quali hanno partecipato a questo successo, reso possibile grazie alla sinergica collaborazione tra Comune e Sovrintendenza, con il prezioso ausilio della Polizia Municipale, della Protezione Civile, della Croce Rossa e delle tante associazioni e volontari che, anche in questa occasione, hanno offerto il proprio prezioso ed inestimabile contributo”.

Commenta su Facebook