A San Prisco la sagra delle olive e baccalà

L’evento ha come scopo la valorizzazione dei prodotti locali, del mangiare sano e della promozione delle olive locali delle cui distese il paese ne è ricco
E’ in preparazione la Sagra delle Olive e Baccalà 2013. L'evento, giunto alla terza edizione, ha riscosso negli anni precedenti un favore di pubblico al di sopra delle aspettative con una massiccia presenza di ospiti, amanti del prelibato baccalà. E che dire… delle olive. San Prisco è rinomato per le sue numerosissime piante di olivo, su cui è basata la maggiore economia del paese, dall’olio che ne deriva al frutto, che non manca mai sulle nostre tavole. La Saga delle Olive e del Baccalà è nata dall’idea di un gruppo di commercianti del posto, amici dell’associazione socio-culturale Centro Studi Progetto Futuro San Prisco. L’associazione, promotrice dell’evento, ha come scopo la valorizzazione dei prodotti locali, del mangiare sano e della promozione delle olive locali delle cui distese il paese ne è ricco. Grandi distese di piante di olivo fanno si che San Prisco sia da tra i primi cultori in Campania il cui frutto è richiesto anche in altre Regioni. Infatti, insieme all’oliva caiatina e quelle di Gaeta, le olive di San Prisco sono rinomate in tutta Italia.“Sono soddisfatto – dice il presidente dell’associazione Centro Studi Progetto Futura Prisco Abbate - anche quest’anno, nonostante la crisi e la mancanza di aiuti da parte degli Enti, stiamo organizzando quella che è ormai una tradizione attesa e voluta dai commercianti e i cittadini del posto. L’iniziativa non ha scopo di lucro, ma è nata dalla volontà di promuovere le nostre prelibatezze che non solo consente a noi commercianti di mantenere un mercato fiorente ma anche di far conoscere i nostri prodotti e il territorio con la conseguente presenza di turisti”. Le due edizioni precedenti ha registrato un boom di avventori, oltre seimila, accorsi per gustare il rinomato baccalà, insieme alle olive ed altri prodotti offerti e cucinati secondo la tradizione più vera e sana, secondo il principio del nutrirsi non solo mangiare, gustare non solo ingurgitare, così come vuole la tradizione. Il fritto che rispetta tutte le caratteristiche di un tempo. Farlo dorare in abbondante olio lasciando che dentro vi resti la morbidezza del prodotto.  Non solo olio, olive e baccalà, ma tanto altro, dal primo piatto, ai secondi e così via. Il tutto condito con della buona musica e allegra animazione.Inoltre: per chi fosse interessato ad esporre i propri prodotti nell’ambito dell’evento, partecipare con prodotti di propria produzione può telefonare al numero: 3384045595. Vi sarà dato uno stand ed uno spazio adeguato alle vostre esigenze. Quando: 13-14-15 settembre dalle ore 20.00 alle 24.00Dove: Piazza Mercato, San PriscoL’ingresso è gratuito. 

Commenta su Facebook