Premio Cabaret 'Fratelli De Rege' al Cineclub Vittoria

Domani alle 20.00 si terrà la quinta edizione del Premio. In gara dieci cabarettisti che dovranno conquistare non solo il pubblico ma una giuria composta da artisti in vari settori

Casagiove - Conto alla rovescia per il Premio Cabaret Fratelli De Rege – città di Casagiove, la competizione cabarettistica ideata e diretta da Enzo Varone e dedicata all’omonimo duo di avanspettacolo divenuto celebre tra gli anni Trenta e Quaranta.

La manifestazione si terrà domani 19 dicembre, alle ore 20.00, presso il Cineclub Vittoria e vedrà in gara ben dieci cabarettisti che, selezionati tra le centinaia di proposte arrivate alla direzione artistica dell’evento, proveranno a conquistarsi, a suon di risate e gag esilaranti, non solo il plauso del pubblico ma anche il voto della qualificatissima giuria tecnica che dovrà scegliere il vincitore della quinta edizione del Premio.

Una giuria che, anche quest’anno, con le sue presenze dà subito la misura dell’attenzione che il mondo artistico campano e ultraregionale riserba ormai sempre di più alla competizione così fortemente voluta da Varone. Si comincia dal Presidente: a guidare il collegio giudicante sarà infatti il noto critico teatrale Giulio Baffi. Ma non è tutto: in giuria anche Marzio Honorato, noto al grande pubblico per la soap di Rai Tre ma anche per i suoi grandi successi professionali nel teatro (celebre la sua interpretazione di Vittorio Elia in 'Natale in Casa Cupiello' di Eduardo De Filippo) e nel cinema (da 'Il Camorrista' di Tornatore a 'Così Parlò Bellavista' di De Crescenzo); l’apprezzatissima autrice e scrittrice casertana Marilena Lucente, gli attori e registi casertani Angelo Callipo e Roberto Solofria. Un parterre prestigioso, insomma, in continuità con gli anni precedenti (Marcello D’Orta, l’insegnante scrittore napoletano autore del best seller 'Io speriamo che me la cavo' è stato il presidente della giuria tecnica della quarta edizione mentre a Carlo Croccolo, attore e doppiatore, -all’attivo 118 film con Totò, De Filippo, De Sica e, più recentemente, Aldo Giovanni e Giacomo- andò il Premio alla carriera; e poi lo stage con la comica partenopea Maria Bolignano e, ancora, fu l’attrice Nunzia Schiano, indimenticabile nel ruolo della mamma di Siani nel film Benvenuti al Sud, a premiare i vincitori della quarta edizione), che in questa quinta edizione vanta anche l’ospite cabarettista d’eccezione Peppe Iodice e la consegna del Premio alla Carriera ad Angela Pagano, stimatissima attrice partenopea che debuttò nel film 'La fortuna con la effe maiuscola' di Eduardo De Filippo. A condurre la serata, inoltre, l’attore napoletano Ciro  Zangaro.

Ci sono insomma tutti gli ingredienti per immaginare che anche questa quinta edizione del Premio De Rege sia un successo: un’affermazione, d’altronde, frutto senza dubbio di un lavoro certosino e tenace, portato avanti da ormai un quinquennio da Enzo Varone: "Dopo tanti anni di sacrificio e di dedizione caparbia al successo di questa manifestazione – ha commentato – quest’anno abbiamo finalmente anche il riconoscimento concreto delle istituzioni locali: l’amministrazione, infatti, ha deciso di sostenere tutte le spese che affronteremo e questo ci consentirà anche di evitare un biglietto d’ingresso. Quindi ingresso libero per la manifestazione che rende omaggio alla storica coppia di fratelli casagiovesi, Guido e Ciccio De Rege, e di cui il Comune ha così riconosciuto l’alta valenza culturale".

Il loro successo cinematografico, il film 'Allegri masnadieri', sarà proiettato sempre al Cineclub Vittoria, mercoledì alle 11.30, per gli alunni delle scuole medie locali.

Il premio Cabaret Fratelli De Rege nasce con l'intento di rendere omaggio a quella che è da più parti considerata la più celebre coppia di avanspettacolo a cavallo tra le due guerre, tra gli anni Trenta e Quaranta. Resi celebri al grande pubblico anche grazie a Walter Chiari e Carlo Campanini che nel loro sketch 'Vieni avanti, cretino', ne citavano mirabilmente uno dei numeri più celebri, i fratelli De Rege sono ora noti anche alle generazioni più giovani proprio grazie al Premio Cabaret Fratelli De Rege.

 

Commenta su Facebook