Premio De Rege, Marzio Honorato nella giuria tecnica

La famosa competizione cabarettistica si terrà il 19 al Cineclub Vittoria

Casagiove - Ci sarà anche Marzio Honorato, l’amatissimo Renato Poggi di Un Posto al Sole, nella giuria tecnica del Premio Cabaret Fratelli De Rege in programma per il prossimo mercoledì 19 dicembre, alle ore 20.30, presso il Cineclub Vittoria di Casagiove. L’attore partenopeo, noto al grande pubblico per la soap di Rai Tre ma anche per i suoi grandi successi professionali nel teatro (celebre la sua interpretazione di Vittorio Elia in “Natale in Casa Cupiello” di Eduardo De Filippo) e nel cinema (da “Il Camorrista” di Tornatore a “Così Parlò Bellavista” di De Crescenzo) va dunque ad arricchire il prestigioso parterre che il direttore artistico della kermesse Enzo Varone ha fortemente voluto quale conferma di una affermazione sempre più ampia e decisa del Premio sullo scenario artistico e cabarettistico meridionale.

Ricordiamo, infatti, che a presiedere la giuria ci sarà lo stimatissimo critico teatrale Giulio Baffi mentre il premio alla Carriera quest’anno verrà conferito ad Angela Pagano.

Una quinta edizione che si preannuncia, dunque, un altro grande successo targato Varone ma soprattutto un appuntamento sempre più atteso dal mondo del cabaret con il duplice scopo di scoprire nuovi talenti e ricordare i Fratelli De Rege.

La carriera artistica di Marzio Honorato è costellata di grandi successi. Dopo una lunga gavetta nel teatro d'avanguardia, a Napoli e Milano, entra nella compagnia di Nino Taranto e poi in quella di Gino Bramieri, al Teatro Sistina di Roma. Alla fine degli anni settanta, la grande occasione: viene scritturato da Eduardo De Filippo. In quell'ultimo "ciclo eduardiano" prende parte a varie commedie, ma rimane famoso soprattutto per il personaggio di "Vittorio Elia" in Natale in casa Cupiello. Nella sua carriera ha interpretato film di molteplici generi, spesso ambientati a Napoli. Alcuni titoli sono: Il camorrista di Giuseppe Tornatore, Cafè Express e Mi manda Picone (nel ruolo delMicione) di Nanny Loy, Guapparia e Lacrime napoletane con Mario Merola e Così parlò Bellavista di e con Luciano De Crescenzo. Nel 1980 è tra i protagonisti del crudo Tunnel (Eroina) di Massimo Pirri, film che narrava le drammatiche vicende di un gruppo di tossicomani (tra i quali Helmut Berger e  Corinne Clery). Il film a causa di problemi distributivi uscì solo nel 1983 ed è stato rivalutato con gli anni. Dal 1996 è impegnato nella soap opera italiana Un posto al sole (Rai 3), nei panni del personaggio Renato Poggi.

Il premio Cabaret Fratelli De Rege nasce con l'intento di rendere omaggio a quella che è da più parti considerata la più celebre coppia di avanspettacolo a cavallo tra le due guerre, tra gli anni Trenta e Quaranta. Resi celebri al grande pubblico anche grazie a Walter Chiari e Carlo Campanini che nel loro sketch «Vieni avanti, cretino», ne citavano mirabilmente uno dei numeri più celebri, i fratelli De Rege sono ora noti anche alle generazioni più giovani proprio grazie al Premio Cabaret Fratelli De Rege.

Commenta su Facebook