Allarme sicurezza: raddoppiati gli abusi sessuali nel casertano

Secondo i dati del 2016 sono invece in calo gli omicidi

Caserta - Sono quasi raddoppiati nel 2016, rispetto all'anno precedente, i casi di violenza sessuale nel Casertano mentre sono fortemente diminuiti gli omicidi. Sono i dati più rilevanti del settore sicurezza a Caserta e provincia nell'anno 2016 diffusi oggi alla Scuola Allievi della Polizia di Stato, ubicata nel capoluogo, nel corso della cerimonia per il 165esimo anniversario della fondazione del Corpo. Il Questore Antonio Borrelli - come scrive l'Ansa - ha deposto una corona d'alloro presso la lapide commemorativa delle donne e degli uomini appartenenti alla Polizia di Stato caduti nell'adempimento del dovere, illustrando poi il bilancio di un anno di attività di tutte le forze dell'ordine, il 2016, in cui i casi di violenza sessuale sono stati 41 contro i 29 del 2015 (+41%), conseguenza di un maggior numero di denunce e dell'elevata fiducia riposta dalle vittime di abusi verso la Polizia di Stato e le altre forze dell'ordine; è crollato il numero di omicidi, appena sei contro i sedici del 2015 (-62%), così come i sequestri di persona (17 contro i 26 dell'anno precedente per un -35%); leggera diminuzione per furti e rapine (rispettivamente -1% e -3%), il cui dato resta comunque alto, con 843 rapine e 16917 furti nell'anno solare. Da prendere con accortezza, invece, il dato dell'usura, con appena quattro casi accertati nel 2016 contro i 14 del 2015 (-71%), frutto probabilmente di un minor numero di denunce ma anche di un'attività illecita che potrebbe essere in calo per l'arresto di numerosi esponenti dei clan camorristici dediti proprio allo strozzinaggio. Sono diminuiti gli arrestati e i fermati. Sul fronte dell'immigrazione, i migranti accolti presso i Centri Temporanei di Accoglienza sono stati 2500 nel 2016 contro i 1500 del 2015 (+67%) mentre il numero di richieste di asilo presentate sono state 2183, il 130% in più rispetto al 2015 (erano state appena 947); 69 le espulsioni contro le 50 dell'anno precedente. Ammonta ad oltre 63 milioni di euro il valore dei beni sequestrati alla camorra (quasi 65 nel 2015) mentre le informazioni antimafia sono aumentate del 230% (241 contro le 73 del 2015).

Commenta su Facebook