Clan e appalti: Ferdinando Bosco torna a casa

Nei giorni scorsi è tornato libero anche l'attuale sindaco di Aversa, De Cristofaro, ai domiciliari l'ex sindaco di Riardo D'Ovidio

Casapulla - Il Tribunale del Riesame di Napoli ha annullato l'ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari emessa a carico dell'ex sindaco di Casapulla Ferdinando Bosco nell'ambito dell'indagine della Dda di Napoli "The Queen", che a metà marzo ha portato agli arresti 69 persone, tra politici, sindaci e professori universitari per un presunto sistema di tangenti in relazione agli appalti concessi dalla Regione. Bosco è indagato per turbativa d'asta in relazione ai lavori della rete idrica comunale. Oltre a Bosco è tornato libero nei giorni scorsi su decisione del Riesame l'attuale sindaco di Aversa Domenico De Cristofaro mentre per l'ex sindaco di Riardo Nicola D'Ovidio, inizialmente finito in carcere, i magistrati napoletani hanno disposto i domiciliari. Domani il Tribunale discuterà la posizione dell'imprenditore Alessandro Zagaria, ritenuto legato al clan dei Casalesi, che proprio ieri ha ottenuto l'annullamento dell'ordinanza di arresto per un'altra indagine di oltre un anno fa relativa ad appalti nel comune di Grazzanise.

Commenta su Facebook