Clan Zagaria, 69 arresti tra politici e imprenditori: ci sono anche docenti universitari

Arrestato Pasquale Sommese, l'inchiesta parte della tangenti per Palazzo Teti a Santa Maria Capua Vetere. Corruzione ed altre gravi irregolarità nelle gare di appalto pubblico realizzate in varie province campane

Campania - La Guardia di Finanza di Napoli ha eseguito 69 ordinanze di custodia cautelare nell'ambito di un'inchiesta sul clan Zagaria, fazione dei Casalesi. Tra i destinatari dei provvedimenti, anche politici ed imprenditori. I reati contestati a vario titolo sono di corruzione, turbativa d' asta e concorso esterno in associazione mafiosa. L'indagine è condotta da un pool di cinque pm della Dda (Maresca, Giordano, Landolfi, Sanseverino, e D'Alessio) e coordinata dal procuratore aggiunto Borrelli.

Nell'operazione del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Napoli, con il coordinamento della Direzione Distrettuale Antimafia partenopea, sono coinvolti amministratori locali, funzionari pubblici, imprenditori, professori universitari, commercialisti, ingegneri e "faccendieri", i quali sono accusati, a differente titolo, di corruzione ed altre gravi irregolarità nelle gare di appalto pubblico realizzate in varie province campane, talvolta anche al fine di agevolare organizzazioni criminali di tipo camorristico. 

Un "sistema" realizzato da parte di un gruppo di colletti bianchi in grado di incidere "in modo determinante" sull'aggiudicazione di gare d'appalto a favore di imprese predesignate riconducibili a personaggi del clan dei Casalesi. Diciotto gli appalti al centro dell'inchiesta, tra cui lavori alla Mostra d'Oltremare di Napoli e in vari Comuni, opere per una scuola, per l'Azienda regionale diritto allo studio (Adisu), la seconda università di Napoli. Sotto inchiesta anche l'appalto per un impianto di cremazione al cimitero di Pompei e per il nuovo museo archeologico di Alife.

Oltre che a Santa Maria Capua Vetere, gli appalti finiti nel mirino della Dda sono stati banditi per i comuni di Piedimonte Matese, Riardo, Casoria, Cicciano ed Alife e riguardano molti beni di interesse storico e archeologico. In manette anche alcuni sindaci tra i quali i primi cittadini di Aversa Enrico De Cristofaro, Riardo, Pompei e gli ex sindaci di San Giorgio a Cremano e Casapulla, Ferdinando Bosco.

Il sindaco di Aversa è indagato nella qualità di ex presidente dell'Ordine degli Architetti di Caserta. Tra i destinatari delle misure cautelari figura anche l'imprenditore Alessandro Zagaria, ritenuto legato al clan del boss omonimo. Agli arresti inoltre Raffaele De Rosa, fratello dell'attuale sindaco di Casapesenna (Caserta), comune in cui è nato e vissuto, trascorrendo parte della sua latitanza, il boss Michele Zagaria. Nel mirino degli inquirenti sono finiti 18 appalti concessi tra il 2013 e l'inizio del 2016 da vari comuni del Casertano, come Alife, Francolise, Riardo, tra cui lavori per ristrutturazioni di importanti immobili storici; tra gli indagati soprattutto professionisti, come ingegneri e architetti componenti delle commissioni di gara nominate dai vari Comuni responsabili dell'affidamento dei lavori, che, secondo i magistrati della Dda di Napoli, finivano quasi sempre a poche ditte, alcune collegate al clan Zagaria. L'indagine ruota attorno alla figura dell'ingegnere Guglielmo La Regina, anche per questo è stata denominata "The Queen"; lo stesso Gip parla di "sistema La Regina". L'inchiesta rappresenta una tranche di quella che nel 2016 portò in carcere l'ex sindaco di Santa Maria Capua Vetere Biagio Di Muro per presunta corruzione in relazione ai lavori dello storico palazzo Teti Maffuccini; anche allora furono arrestati La Regina e l'imprenditore Alessandro Zagaria.

In pratica l'inchiesta sulla tangente per la ristrutturazione di Palazzo Teti Maffuccini a Santa Maria Capua Vetere, che sarebbe dovuto diventare un "Polo della legalità" perdendo invece per sempre i finanziamenti a causa delle ingerenze della camorra, si è rivelata un vaso di Pandora. È un vero e proprio terremoto giudiziario quello che ha sconvolto la politica e il mondo dell'imprenditoria campane. 

Appalti, camorra e mazzette: settanta misure di custodia cautelare sono state eseguite questa notte su richiesta della Dda di Napoli per accuse che vanno dalla turbativa d'asta ai reati di criminalità organizzata. Tra le persone finite agli arresti domiciliari c'è Adele Campanelli, dal 2010 alla guida della Soprintendenza Archeologica. In carcere è finito il politico Pasquale Sommese, consigliere regionale della Campania in quota Ncd ed ex assessore al Turismo, già indagato per la gestione di appalti sospetti. Secondo l’ipotesi accusatoria, si sarebbe prodigato per garantire il finanziamento per un appalto nel comune di Cicciano con fondi regionali di opere pubbliche progettate da un imprenditore a sua volta indagato. La contestazione per Sommese riguarda l’affidamento del servizio di direzione, misurazione e contabilità, assistenza al collaudo nonché coordinamento sicurezza in fase di esecuzione dei lavori e per l’affidamento delle opere inerenti l’intervento “Le Porte dei Parchi” a Francolise, Alife, Rocca d’Evandro e Calvi Risorta. Oltre che per Sommese, il gip ha disposto il carcere anche per suo fratello. 

Questa mattina, un'ordinanza bis è poi stata notificata all'imprenditore Alessandro Zagaria, già detenuto in un carcere di massima sicurezza dal luglio scorso proprio per la vicenda di Palazzo Teti. Arrestato insieme all'ex sindaco Biagio Di Muro, è ritenuto l'"anello di congiuntura" tra la politica e il clan dei Casalesi. 

Filo conduttore tra la prima parte dell'inchiesta e la retata di questa mattina la "faccendiera" Loredana Di Giovanni, di Mugnano di Napoli. La donna è nota per aver portato voti a Sommese durante l'ultima campagna elettorale per le Regionali. Il suo ruolo, emerge dalle indagini, sarebbe stato quello di consegnare tangenti ai politici per conto degli imprenditori. Dall'aprile dello scorso anno, momento in cui è finita ai domiciliari, sta collaborando con la procura. 

Custodia cautelare in carcere

  1.  
  2. Avecone Giuseppe nato ad Alife 1966
  3. Battaglia Gianluca nato a Napoli 1974
  4. Bianca Giuseppe nato a Napoli 1995
  5. Bretto Antonio, nato a Casal di Principe 1970
  6. Cascella Marco, nato a Napoli 1965
  7. Colella Livio, nato a Marcianise 1969
  8. Consoli Angelo Giancarmine nato a Sparanise 1948
  9. Coppola Carlo nato a Napoli 1953
  10. Cristiani Giuseppe, nato a Pomigliano 1973
  11. D'Amico Mario Stefano nato a Mondragone 1954
  12. De Cristofaro Domenico (detto Enrico) nato ad Aversa 1954
  13. D'Ovidio Nicola, nato a Capua 1967
  14. Dimola Rino, nato ad Aversa 1969
  15. Garofalo Pasquale nato a Caserta 1974
  16. Gentile Alessandro nato a Maddaloni 1956
  17. La Regine Guglielo nato a Napoli 1977
  18. Martinelli Mario nato a San Cipriano d'Aversa 1964
  19. Merenda Pasquale nato a Francolise 1958
  20. Migliore Giancarlo nato a Napoli 1973
  21. Palermo Cerrone Mario nato ad Acerra 1978
  22. Perillo Umberto nato a Napoli 1969
  23. Ranauro Domenicantonio nato a Cannalonga 1949
  24. Russo Pietro nato a Riardo 1966
  25. Setaro Alfonso nato a Portici 1968
  26. Sommese Antonio (detto Antonello) nato ad Avellino 1979
  27. Sommese Pasquale nato a Cimitile 1956
  28. Sposito Vincenzo nato ad Acerra 1958
  29. Stabile Paolo nato ad Aversa 1968
  30. Zagaria Alessandro nato a Caserta 1986
  31. Zoccolillo Raffaele nato a Piedimonte d'Alife 1964


Ai domiciliari
 

  1. Accarino Claudio nato ad Alife
  2. Amato Pasquale nato a Tufino
  3. Ambrosio Francesco nato ad Ottaviano
  4. Apicella Michele nato a Napoli
  5. Aveta Aldo nato a Napoli
  6. Borrelli Claudio nato a Portici
  7. Bosco Ferdinando nato a Casal di Principe
  8. Campanelli Adele, nata a Roma
  9. Capotorto Francesco nato a Napoli
  10. Cappiello Vito nato a Napoli
  11. Conte Luigi nato a Salerno
  12. Coppola Nunzia nata a Napoli
  13. De Simone Antonio nato a Sant'Anastasia
  14. Di Fraia Luciano nato a Napoli
  15. Di Marco Leone nato a Sessa Aurunca
  16. Galietti Alfredo nato a Capua
  17. Giorgiano Domenico nato a San Giorgio a Cremano
  18. Grande Carlo, nato a Teano
  19. Intoccia Carmine nato a Sant'Angelo dei Lombardi
  20. La Regina Francesco nato a Napoli
  21. Mariniello Anotnio nato a San Valentino Torio
  22. Maramma Daniele nato a Napoli
  23. Mazzocchi Salvatore nato a Nala
  24. Meo Raffaele nato in Germania
  25. Nunziata Andrea nato ad Ottaviano
  26. Peluso Raffaele nato a Cercola
  27. Pepe Fabrizio nato a Piedimonte d'Alife
  28. Piccirillo Carlo Antonio nato a Santa Maria Capua Vetere
  29. Rea Andrea nato a Napoli
  30. Romano Corrado nato a Napoli
  31. Stenti Sergio nato a Civitavecchia
  32. Venditti Gabriele nato ad Alife
  33. Visone Salvatore nato a Napoli

Seguono aggiornamenti

Commenta su Facebook