Associazione mafiosa, torna in carcere l'ex consigliere Rita Di Giunta

La nuova misura le è stata notificata a Rimini dove era sottoposta al regime degli arresti domiciliari

Caserta - Nella mattinata odierna, a Rimini, i carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Caserta hanno eseguito una misura cautelare in carcere, emessa dal GIP del Tribunale di Napoli su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti Di Giunta Rita Emilia Nadia, ex consigliere comunale di Castel Volturno, ritenuta responsabile di concorso esterno in associazione di tipo mafioso, in atto già sottoposta agli arresti domiciliari in Rimini.

La donna, tratta in arresto, unitamente ad altri indagati, lo scorso 18 gennaio, era stata ammessa al beneficio degli arresti domiciliari dal Tribunale del Riesame il successivo 7 febbraio. L’odierno provvedimento scaturisce da una nuova richiesta di applicazione della misura di custodia cautelare in carcere avanzata dal Pubblico Ministero e accolta dal Gip che ha ritenuto persistente ed eccezionalmente grave il quadro indiziario, nonché necessaria la risottoposizione alla custodia in carcere quale unica misura adeguata a fronteggiare il pericolo di recidiva.

Commenta su Facebook