Colpo al clan Mazzara: condannati tre pluripregiudicati

Nella casa di uno dei due sono stati anche ritrovati 10 chili di fogli di carta filigranata, recanti stampe contraffatte di banconote corrispondenti a “dinari” algerini
Questa mattina ad Aversa ed a Cesa i Carabinieri del Reparto Territoriale di Aversa hanno dato esecuzione all’ordinanza applicativa della custodia cautelare in carcere emessa dalla Corte di Appello di Napoli, nei confronti dei pluripregiudicati Mazzara Amedeo, detto “o siciliano”, cl.1948 e Duilio Giuseppe, detto “bicicletta”, cl. 1958, entrambi di Cesa e Scarano Tammaro, detto “scarulella”, cl. 1986, di Aversa, attualmente già sottoposto agli arresti domiciliari. Le complesse indagini avviate dalla Sezione Operativa del citato a partire nell’anno 2007 e condotte attraverso attività tecniche e riscontri forniti nel tempo da numerosi collaboratori di giustizia, hanno consentito di giungere alla sentenza di condanna in 1° e 2° grado nei confronti dei membri del sodalizio criminale, acclarando, processualmente, come il “gruppo Mazzara”, avvalendosi della forza intimidatrice derivante dal vincolo associativo e della condizione di assoggettamento e di omertà della popolazione, abbia nel tempo acquisito in modo diretto la gestione delle attività economiche nel settore dell’edilizia ed il controllo del territorio cesano, pianificando e perpetrando delitti contro la persona e contro il patrimonio, tra cui omicidi, sequestri di persona, estorsioni e minacce. Nel corso delle operazioni eseguite questa mattina, all’esito della perquisizione domiciliare, Duilio Giuseppe è stato altresì arrestato in flagranza di reato, poiché trovato in possesso di 10 chili di fogli di carta filigranata, recanti stampe contraffatte di banconote corrispondenti a “dinari” algerini. Quanto rinvenuto è stato sottoposto a sequestro. Gli arrestati Mazzara Amedeo e Duilio Giuseppe sono stati accompagnati presso il carcere di Napoli Secondigliano, mentre Scarano Tammaro è stato ristretto presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere.

Commenta su Facebook