Obbligavano minori a prostituirsi, 5 arresti nel casertano

Disarticolata una banda formata da cittadini albanesi che reclutavano e obbligavano alla prostituzione giovani donne, tra cui anche minori
Nelle prime ore della mattinata odierna, nella provincia di Caserta, i Carabinieri della Compagnia di Casal di Principe, guidata dal capitano Simone Calabrò, stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Napoli, su richiesta della locale D.D.A., nei confronti di 5 indagati ritenuti responsabili, a vario titolo, di prostituzione minorile e sfruttamento della prostituzione.L’indagine ha consentito, tra l’altro, di individuare e disarticolare un gruppo di cittadini albanesi che reclutavano e obbligavano alla prostituzione giovani donne, tra cui anche minori.

L'indagine, avviata nel 2014 e termina nel 2015, portata avanti dai carabinieri della stazione di Cancello ed Arnone, ha permesso di individuare il gruppo di albanesi che viveva tra Cancello Arnone, San Tammaro e Villa Literno. In particolare è stato accertato che il gruppo faceva prostituire una serie di ragazze conosciute in italia tra cui c'erano anche due minori: di cui all'epoca dei fatti avevano 15 e 16 anni. Per riuscire a convincerle a prostituirsi alcuni del gruppo instauravano con le donne una sorta di legame affettivo su cui facevano leva per poi portarle in strada per la prostituzione.

 ECCO L'ELENCO DEGLI ARRESTATI


 

Casal di Principe -

Commenta su Facebook