Associazione mafiosa e ricettazione, in carcere anche le figlie dell'ex boss Bidognetti

Fermate a Formia Katia e Teresa, quest'ultima non è stata trasferita in carcere perché in stato di gravidanza

Formia - Associazione mafiosa, ricettazione ed estorsione sono questi i reati contestati a 5 persone in mattinata. Tra gli arresti di oggi eseguiti dalla Dia ci sono anche le figlie di Anna Carrino, collaboratrice di giustizia, e di Francesco Bidognetti detto 'Cicciotto e'mezzanotte'. Le due, Katia e Teresa (quest'ultima in stato di gravidanza e non è stata portata in carcere ndr) sono state fermate a Formia dove si erano trasferite dopo il pentimento della madre. Arresto in carcere per Orietta Verso, 43 anni, nuora del capoclan, moglie di Raffaele Bidognetti, secondogenito del boss. Una misura cautelare è stata notificata nel carcere di L'Aquila anche al capoclan. In cella è finito anche Vincenzo Bidognetti, 32 anni, non imparentato con il boss, l'unico autorizzato ad avere rapporti con le donne del clan e "trait d'union" con gli affiliati.

Commenta su Facebook