Sparatoria a Lusciano: arrestati due minorenni e un ventenne

In tre sono finiti in manette con l'accusa di tentato omicidio

Lusciano - I carabinieri di Aversa, a seguito delle serrate indagini in relazione all’esplosione di colpi d’arma da fuoco che avevano danneggiato l’ingresso del Bar Centrale di Lusciano, hanno tratto in arresto per i reati di tentato omicidio, porto abusivo di armi e danneggiamento in concorso il ventenne Pasquale Basilico di Casapesenna e due minorenni di 17 e 16 anni. 

Dagli elementi probatori acquisiti è emerso che i tre giovani, in concorso tra loro, nel pomeriggio di ieri, con il chiaro intento di eliminare la vittima designata, hanno esploso alcuni colpi di pistola nei confronti di N.F. commerciante di Lusciano in quel momento seduto in compagnia del fratello ad un tavolino posto davanti l’ingresso del 'Bar Centrale' di Lusciano. La vittima fortunatamente rimaneva illesa, così come gli altri avventori del locale pubblico.

Il movente del tentato omicidio è attualmente in corso di approfondimento investigativo. Sono in corso le attività d’indagine finalizzate al rinvenimento delle due pistole utilizzate per la commissione del delitto.

Pasquale Basilico è stato associato alla casa circondariale di Napoli Poggioreale, mentre i due minorenni sono stati accompagnati presso il Centro Di Giustizia Minorile di Napoli.

Commenta su Facebook