Minorenne seviziata e struprata, la fuga in Francia di quelle persone che sembravano "normali"

Le indagini di Procura e polizia sono riuscite a far luce su una vicenda orribile

Mondragone - Erano scappati in Francia quando la bambina, quella che avevano torturato, picchiato e violentato per quasi dieci anni, era stata affidata a dicembre del 2015 ai servizi sociali. Nonostante la fuga la madre ed il compagno della piccola (oramai quasi 17enne) sono stati bloccati e arrestati dopo le indagini coordinati dalla procura di Santa Maria Capua Vetere, portate avanti dagli agenti della polizia, che hanno individuato i due orchi che vivano tra Mondragone e Cellole.

I due lavoravano nel campo della ristorazione e sono stati scoperti grazie all’attenta attività di procura e agenti che hanno ascoltato le persone che potevano essere a conoscenza, dei fatti, oltre alle insegnati a cui si aggiungono alcuni vicini di casa che hanno raccontato dato informazioni utili alle indagini. Nonostante tutto, secondo quanto raccontano alcuni conoscenti, i due sembravano delle persone “normali” che conducevano una vita normale e lavorano senza dare problemi.

Commenta su Facebook