Camorra e appalti, altro sequestro per Angelo Grillo: sotto chiave beni per 600mila euro

Si tratta di quattro abitazioni a Capua riconducibili all'imprenditore anche se non aveva ancora formalizzato l'intestazione

Caserta - Questa mattina, nell'ambito di un'articolata indagine coordinata dai magistrati della Procura della Repubblica di Napoli - Direzione Distrettuale Antimafia, i carabinieri del Nucleo Investigativo di Caserta hanno dato esecuzione ad un sequestro preventivo del valore di circa 600mila euro nei confronti dell'imprenditore Angelo Grillo, appartenente al clan camorristico dei Belforte di Marcianise. L'attività investigativa, sviluppatasi attraverso ulteriori accertamenti documentali, integrati a pregressa attività tecnica, è inserita nell'ambito del procedimento penale che ha già consentito al gip del Tribunale di Napoli di emettere 53 ordinanze di custodia cautelare nei confronti di altrettanti soggetti e procedere al sequestro preventivo di beni per un valore di 50 milioni di euro circa. L'esecuzione del provvedimento odierno è scaturita dopo aver acclarato la riconducibilità di 4 unità abitative, site a Capua, del valore di circa 600mila euro, ad Angelo Grillo sebbene lo stesso non ne avesse ancora formalizzato l'intestazione.

Commenta su Facebook