Camorra e appalti, in manette 10 persone: sono gli intestatari dei beni di Angelo Grillo

Sotto sequestro società e beni siti a Caserta, Roma, Livorno, Sassari e Lussemburgo per circa 30 milioni di euro

Caserta - Nelle prime ore della mattinata odierna, nell’ambito di un’articolata indagine coordinata dai magistrati della Procura della Repubblica di Napoli - Direzione Distrettuale Antimafia, i carabinieri del nucleo Investigativo di Caserta hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 10 indagati, tra i quali Grillo Angelo, imprenditore nel settore delle pulizie, già colpito da provvedimento cautelare per vari reati, tra cui quello di concorso esterno nell’associazione camorristica Belforte di Marcianise. Alle persone colpite dal provvedimento eseguito in data odierna è stato contestato il delitto di intestazione fittizia di beni e società per conto proprio di Angelo Grillo, commesso al fine di agevolare il sodalizio dei Belforte. L’attività investigativa, sviluppatasi attraverso intercettazioni telefoniche ed ambientali, riprese video, servizi di osservazione e pedinamenti, nonché riscontri di natura documentale ed approfonditi accertamenti patrimoniali, scaturisce dalla pregressa attività investigativa, che vedeva il suo culmine nell'ordinanza cautelare eseguita lo scorso 07 novembre 2013 a seguito della quale venivano tratti in arresto un il consigliere regionale Angelo Polverino, imprenditori e dirigenti della Asl e dell’ospedale di Caserta (LEGGI QUI). I destinatari della misura cautelare odierna sono gli intestatari di beni mobili e immobili, di società, nonché di conti correnti bancari individuati su tutto il territorio nazionale e in Lussemburgo: beni sottoposti a provvedimento di sequestro preventivo emesso dal giudice per le indagini preliminari. Nello specifico, le società sequestrate sono attive in tutto il territorio nazionale e operano sia nel settore della raccolta dei rifiuti sia nel settore della vigilanza a seguito di aggiudicazione di appalti. Tutti i beni e le società, posti sotto sequestro preventivo, sono localizzati nelle città di Caserta, Roma, Livorno, Sassari e, come precedentemente detto, in Lussemburgo ed hanno un valore stimato di circa 30 milioni di euro.

I nomi degli arrestati: Angelo Grillo, classe 1950, (già detenuto); Rosa Baffone, classe 1992, di Marcianise e moglie di Grillo Roberto, già detenuto; Antonietta De Simone classe 1970, di Marcianise: la donna risulta fittiziamente intestataria della Società 'Fare l'Ambiente' e della Società 'Serful', ma realmente svolge lavori di pulizia; Domenico Di Carluccio classe 1965, di Marcianise, risulta fittiziamente proprietario di un Istituto di Vigilanza 'Silpres Vigilanza S.r.l'. con sede in Livorno. L’uomo in realtà svolge la mansione di parcheggiatore all’interno del Big Maxi Cinema di Marcianise; Carlo Chiaiese, classe 1965, residente in Cecina, risulta fittiziamente intestatario della Società di Vigilanza 'Fedelpol S.r.l'. con sede in Rosignano Marittimo, Livorno; Andrea Mastroianni classe 1956, di Piana di Monteverna, risulta fittiziamente intestatario unitamente a Patrizia Marra, classe 1966, della Società 'Ecosystem 2000 srl' con sede in Caserta, ma in realtà i due sono degli operai addetti alle pulizie; Patrizia Marra classe 1966, di Bellona; Maria Coronella classe 1973, di San Prisco, risulta fittiziamente intestataria della società 'Faunus Sas' con sede in Capua, con sede legale allo stesso indirizzo di cui alla Società Cesap ricondotta a Grillo Angelo classe 1950; Anna Lauritano classe 1966 e residente a Santa Maria Capua Vetere: è la convivente di Grillo Angelo classe 1950, nonché fittiziamente intestataria della Società Tutto Campania Srl; Maria Vincenza Golino nata Marcianise il 26 marzo 1966, operaia del settore delle pulizie ma fittiziamente intestataria con la Lauritano Anna dei beni di cui sopra.

Nella predetta attività vengono posti sotto sequestro anche beni immobili di ingente valore dislocati sia in Italia che all’estero e di proprietà di Grillo Angelo, in particolare possiamo affermare che il Grillo è titolare di Società in Lussemburgo, Svizzera e Kenia.

Commenta su Facebook