Nuovo allarme nella Terra dei fuochi: amianto nell'acqua di 136 comuni

Al caso della riserva idrica d’emergenza regionale che si trova proprio sotto le campagne avvelenate di Caivano, si aggiunge uno studio dell'Ato2: condotte idriche realizzate 50 anni fa con tubazioni in cemento-amianto

Campania - Trenta tonnellate di rifiuti speciali e non, tra cui amianto, pneumatici usati e materiale edile di risulta, sono stati trovati - a fine settembre - in località Sant'Arcangelo, nel comune di Caivano, durante dei lavori di manutenzione a una condotta che trasferisce acque reflue verso l'impianto di depurazione di Acerra. Fin qui ci siamo, nel senso che la consapevolezza che la nostra terra sia un nascondiglio di veleni è oramai risaputo ma bisogna impegnarsi ad individuarli per evitare che il disastro ambientale possa assumere dimensioni maggiori rispetto a quelle già devastanti.

Il problema però è un altro: questa volta l'emergenza potrebbe non essere circoscritta, ma interessare tutti i residenti della Regione Campania. La riserva idrica d’emergenza regionale si trova proprio sotto le campagne avvelenate di Caivano, vale a dire uno degli epicentri della Terra dei Fuochi.

A questo problema si aggiunge un nuovo allarme che proviene dal sottosuolo e assume la forma dell’acqua. Acqua che potrebbe essere contaminata, con elevata presenza di amianto, pronta a servire 136 comuni dell'Ambito territoriale ottimale 2. Insomma 136 comune tra le province di Napoli e Caserta. La denuncia arriva da uno studio che risale al 2002-2003 ma, apparentemente, ancora attuale a cura proprio dell’Ato 2. Sarebbero infatti state realizzate condotto idriche (per oltre 112 chilometri) con tubazioni in cemento-amianto oltre 50 anni fa. Si tratta, in sostanza, dell’eternit usato per garantirne l’elasticità. La corrosione delle vecchie strutture causerebbe la diffusione delle fibre di amianto nell’acqua potabile.

Commenta su Facebook