Camorra. Estorsioni a imprenditori della Nestlé, arrestato Umberto Venosa

Il 34enne, esponente di spicco del clan dei casalesi, si nascondeva a San Marcellino. In manette anche Giuseppe Verrone

San Marcellino - Gli agenti della squadra mobile e della sezione di Casal di Principe, diretti dal vice questore Alessandro Tocco, a seguito di incessanti ricerche supportate da attività tecniche, hanno tratto in arresto Umberto Venosa, 34enne di Casapesenna, pluripregiudicato, esponente di spicco del clan dei casalesi, latitante in quanto colpito da decreto di fermo emesso il 9 agosto 2013, nonché da conseguente ordinanza di custodia in carcere emessa il 27 agosto 2013 dal Gip presso il tribunale di Napoli, in relazione al delitto di estorsione aggravata dal metodo mafioso. L'uomo aveva trovato rifugio in un’abitazione a San Marcellino in via Ugo Foscolo, di proprietà di Giuseppe Verrone, 34enne di Aversa, che veniva tratto in arresto per favoreggiamento personale aggravato dall’art. 7 legge 203/91.

E' stata, inoltre, denunciata in stato di libertà la moglie di Verrone, M.A. di anni 24, immune da precedenti di polizia. I provvedimenti restrittivi in argomento erano stati emessi a seguito di puntuale attività investigativa condotta dalla locale squadra mobile nei confronti di alcuni affiliati al clan dei casalesi, fazione Schiavone, resisi responsabili di estorsione aggravata dalle modalità mafiose in pregiudizio di noti imprenditori operanti nel campo della distribuzione e dello stoccaggio di gelati per conto della Nestlè nell'agro-aversano. In particolare, le indagini avevano consentito di acclarare che, in coincidenza della 'canonica' scadenza di Ferragosto, gli imprenditori avevano subito pressanti richieste estorsive ad opera degli emissari della consorteria camorristica, individuati in Vincenzo De Luca di anni 36, sorvegliato speciale e tratto in arresto il 13 agosto; Bortone Andrea di anni 35, tratto in arresto il 17 agosto e nel citato Venosa Umerto, ai quali erano stati costretti a consegnare una rata di 2000 euro.

Commenta su Facebook